Scuola di Uncinetto: matematica applicata alla misura di cappelli e berretti

Ovvero: è possibile fare un berretto all’uncinetto, per qualsiasi taglia, conoscendo solo la circonferenza della testa?

Si può costruire una formula matematica per poter fare qualsiasi tipo di berretto con qualsiasi tipo di punto all’uncinetto (ma anche a maglia ai ferri, perché no?) e con qualsiasi tipo di filato conoscendo solo la circonferenza della testa che lo indosserà, che poi è la stessa misura indicata dalle taglie di cappelli e berretti?

Io dico di si e, come avevo fatto per la matematica applicata alla misura di calze e babbucce, ho fatto calcoli e misurazioni così la formula magica l’ho tirata fuori, conoscendola è possibile lavorare un rettangolo e farlo diventare un cappello perfetto aggiungendo due velocissime cuciture a mano con lo stesso filato di lavorazione.

Ma andiamo con ordine perché mi sa che ho messo troppa carne al fuoco in poche righe 😉

Quando devo fare un cappello ho bisogno della misura della circonferenza della testa, per avere quella giusta ho due modi: o la misura direttamente con il metro, la mia testa ad esempio è 54 cm., oppure conosco la taglia del cappello che mi va bene (che per me è sempre 54!).

Un altro esempio facile è la taglia 0 da neonato che corrisponde a 35 cm.

Sono partite da questo dato e ho ideato una semplice formuletta matematica per poter fare dei cappelli perfetti da calzare partendo da un rettangolo di precise proporzioni e con addirittura tre varianti: CAP, SLOW e SLOUCH.

Seguimi anche su Facebook:

La cariante CAP corrisponde ad un berretto che fascia la testa e non scende sul retro (coeff. 2,5).

La variante SLOW da un berretto che è un po’ abbondante sul retro ma scende poco (coeff. 2,2).

La variante SLOUCH è quella che sul retro è più abbondante e scende morbido (coeff. 2).

Ora ve la svelo e ve la spiego (ma è facilissima), la mia formula magica per i berretti è:

misura C :  coefficiente (2-2,2-2,5) = misura P

Scuola di Uncinetto: matematica applicata alla misura di cappelli e berretti

La misura C è la circonferenza che va divisa per uno dei tre coefficienti fissi, a seconda del tipo di berretto che voglio ottenere, a questo punto ho due numeri, la misura P e la misura C che sono i centimetri dei lati del rettangolo che devo realizzare per il cappello.

Ma facciamo un esempio pratico per farvi capire quanto è facile, prendiamo la circonferenza della misura da neonato cioè 35 cm.

Per ottenere un cappello SLOW faccio 35 diviso 2,2 ed ottengo una misura P di 16 cm. (ogni risultato lo arrotondo per eccesso o per difetto secondo le normali regole matematiche), adesso vado a lavorare un rettangolo di 35×16 cm. montando tante catenelle quanti sono i centimetri del lato corto (cioè la misura P).

Se voglio ottenere uno SLOUCH per la misura della mia testa non devo far altro che fare 54:2=27 e lavorare un rettangolo di 27 per 54 cm.

Quando il mio rettangolo è finito chiudo il punto e cucio direttamente a maglia bassissima con l’uncinetto i due lati corti del rettangolo in modo da ottenere un tubo.

Scuola di Uncinetto: matematica applicata alla misura di cappelli e berrettiScuola di Uncinetto: matematica applicata alla misura di cappelli e berretti

L’ultima cucitura è una specie di imbastitura su tutto un lato del tubo, alla fine tiro il filo dell’imbastitura e stringo il lato completamente chiudendolo ed ottengo la sommità chiusa del mio berretto.

Fermo i fili e poi non mi resta che rivoltare sul dritto il berretto ed eccolo pronto.

Si può lasciarlo così al naturale perfetto per tutti anche per maschi grandi e piccoli) oppure decorarlo in modi più o meno classici: dal pompon sulla cima fino al fiocchetto o un grande fiore sul lato, a piacere e a seconda del destinatario o destinataria.

Scuola di Uncinetto: matematica applicata alla misura di cappelli e berretti

Per questi esempi io ho usato il filato CLEOPATRA in cotone+bambù di Miss Tricot di cui ho preparto la recensione qualche giorno fa, con un uncinetto 4 e dei punti di base molto semplici ed elastici (maglia alta e mezza maglia alta in costa) ma è possibile usare qualsiasi tipo di filato e qualsiasi tipo di punto, l’importante è rispettare i centimetri che escono fuori dalla mia formuletta.

Questo è il sistema più facile ed efficace che ho trovato bypassando il problema della lavorazione in tondo con gli aumenti, che è sempre la bestia nera di chi è alle prime armi, anche se sapete fare solo la maglia bassa potete fare berretti per tutti, presto che Natale si avvicina…

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

7 Commenti ♥

Lascia il tuo commento! ♥