Vita online: Facebook e i profili senza nome e cognome a rischio chiusura

Nei giorni scorsi con alcune delle persone che gestiscono insieme a me le mie Scuole per Negati abbiamo parlato del fatto che Facebook sta controllando e cancellando i profili falsi, cioè quelli che non hanno nome e cognome ma nomi di fantasia o nomi di aziende.

Mi hanno detto che c’è chi pensa sia una bufala e che non ci sia nessun rischio concreto di perdere il proprio spazio, gli amici, le foto e tutto il resto.

Vista la mia esperienza online mi hanno chiesto di scrivere un post su questo argomento, eccomi qui a raccontare perché il nostro social network preferito vieta i profili falsi e da quando.

Purtroppo il rischio di chiusura del profilo che non rispetta le condizioni d’uso c’è ed è molto concreto,  Facebook è nato per mettere in contatto i compagni di scuola e quindi era necessario fin da subito che ogni profilo indicasse il vero nome e cognome del proprietario.

L’intento di connettere le persone del social in blu non è cambiato con il tempo, però sono arrivate le aziende, le associazioni e tutta una serie di entità che non erano adatte ad essere rappresentate dal profilo personale, così lo staff ha studiato uno strumento adatto, sono nate le pagine che sono lo spazio perfetto per tutto quello che non rappresenta una persona fisica.

Se volete approfondire le differenze tra i vari strumenti vi rimando al post:

FACEBOOK: QUALE STRUMENTO TI SERVE? PROFILO, PAGINA O GRUPPO

Vita online: Facebook e i profili senza nome e cognome a rischio chiusura

Seguimi anche su Facebook:

Se vogliamo capire meglio cosa c’è scritto nelle condizioni d’uso che ognuno di noi ha accettato quando si è iscritto (magari senza leggerle :mrgreen:) eccole qui sotto direttamente dall’Help di Facebook:

Quali nomi sono consentiti su Facebook?

Facebook è una comunità in cui le persone usano le proprie identità autentiche. Le persone devono fornire il nome che usano nella vita reale, in modo che tutti sappiano sempre con chi si stanno connettendo. Questo contribuisce a salvaguardare la sicurezza della nostra comunità.

Altri punti da tenere a mente:

Il nome che usi deve rappresentare la tua identità autentica, deve essere quello con cui ti conoscono gli amici nella vita reale e che è indicato nei nostri tipi di documenti di identità accettati.

È possibile usare soprannomi per il primo o secondo nome se sono una variazione del nome autentico (come “Peppe” invece di “Giuseppe”).

Puoi anche indicare un nome aggiuntivo nel tuo account (ad es. il cognome da nubile, il soprannome, il nome professionale).

I profili sono esclusivamente per uso individuale. Per i professionisti, le organizzazioni e le aziende, mettiamo a disposizione le Pagine.

Non è consentito fingere di essere persone o oggetti diversi.

Se nel tuo account non è indicato il tuo nome autentico, cambialo.

Quindi è ovvio che nomi come Bijoux Pincopallo,  Macelleria da Nicola, gatto Pallino o Sole Raggiante non sono consentiti.

La regola esiste da sempre ma in realtà nessuno ha mai fatto troppo caso a questa cosa fino al 2012, quando in occasione della quotazione in borsa della società il team di Mark Zuckerberg ha fatto una stima analizzando gli oltre 955 milioni di utenti iscritti al network in quel periodo e ha scoperto che il 9% erano account fasulli.

Scoperta l’entità del problema ha cominciato a pensare di sistemare le cose e ormai sono mesi che anche tra gli account italiani creati senza l’uso del nome e cognome reali si sta abbattendo la scure.

Pare che dall’anno nuovo i controlli saranno ancora più stretti.

 Vita online: Facebook e i profili senza nome e cognome a rischio chiusura

Se avete un account che non rispetta le condizioni richieste, e ci tenete, il mio consiglio è quello di cambiare il nome non reale con il vostro il più presto possibile, quando il team blocca un profilo non regolamentare purtroppo è tardi e cambiare non è più possibile, l’unica mossa consentita è quella di trasformare il profilo in pagina trasformando gli amici in fan ma perdendo tutto quello che avevate caricato, foto, post, video, ecc. ecc.

Se desiderate restare invisibili (o quasi) avete la possibilità di impostare le regole di privacy del profilo in modo più restrittivo in modo da far vedere solo quello che volete a chi volete e così nessuno potrà spiare quello che fate.

Poi vale sempre la regola aurea dei social network: è buona norma pubblicare solo le cose che si vogliono condividere e di cui si è sicuri di non vergognarsi mai, il resto è meglio tenerlo per sé, senza farsi prendere dalla smania di postare qualsiasi cosa ad ogni costo.

Voi che account avete?

Vita online: Facebook e i profili senza nome e cognome a rischio chiusura

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

2 Commenti ♥

Lascia il tuo commento! ♥