Idee da 5 minuti: Portavaso Cache-pot di plastica riciclata

Ho visto questa idea da qualche parte online, neppure mi ricordo dove…

La difficoltà dell’idea iniziale è che usavano delle bottiglie dell’acqua minerale di plastica trasparente,  quindi di diametro insufficiente per le piante (a meno di non piazzare micro piante grasse) e c’era tutta una fase iniziale di verniciatura della plastica che è lunga e noiosa!

Ieri ho trovato al discount delle bottiglie bianche opache, diametro 12 cm. quindi sufficiente per vasetti di piante primaverili, perfette per fare i portavasi in 5 minuti d’orologio.

Un lavoretto di home decor delizioso.

Dentro ai saponi c’è il sapone liquido per le mani ultra economico, 2 litri di sapone liquido, non me lo sono fatta ripetere due volte e ne ho messi subito nel carrello due…

Il risultato è quello che vedete qui sotto.

Idee da 5 minuti: Portavaso Cache-pot di plastica riciclata

Seguimi anche su Facebook:

Ho travasato il sapone in due bottiglie vuote e mi sono messa subito all’opera.

Ho tagliato tutta la parte superiore e l’ho eliminata.

Dalla base ho tagliato le orecchie a punta e poi ho livellato il resto della superficie in modo che i cache-pot siano alti circa 10-11 cm. escluse le orecchie e 13-14 cm. comprese le orecchie e i miei gattini hanno preso forma.

Ho disegnato il musetto con il pennarello nero indelebile e via, pronti per contenere le mie piantine appena comprate: una kalanchoe, una camomilla romana e un’erba pepe.

GUARDA ANCHE:   Pac-Man dal reale al digitale anni 80 e ritorno #giocaimmaginacrea

Idee da 5 minuti: Portavaso Cache-pot di plastica riciclata

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

Be first to comment