Interviste all’uncinetto: una nuova rubrica del venerdì

Interviste all’uncinetto: una nuova rubrica del venerdìIeri mi sono studiata una novità, le “Interviste all’Uncinetto”, cioè interviste ad appassionate di crochet come me.

Voglio farla diventare una rubrica settimanale il venerdì, ce la farò ad essere costante e a trovare tante appassionate che abbino voglia di farsi intervistare e conoscere da me e da voi?

Io lo spero e intanto inauguro questo appuntamento con un’auto-intervista a me stessa :mrgreen:

Ma prima di cominciare voglio dire a chi ha voglia di essere protagonista di uno di questi post settimanali di scrivermi, io manderò le domande e le note per partecipare, non importa se avete appena imparato ad uncinettare, oppure se tenete l’uncinetto in mano da 40 anni, io sono curiosa di leggere le vostre storie…

Preannuncio che la prossima puntata sarà dedicata ad una VIP del crochet italiano, per non perdere neanche una intervista potete iscrivervi ai miei feed (anche via email).

Ora parto subito con le domande.

1. Iniziamo dai fondamentali, raccontami un po’ di te, chi sei e cosa fai?

Seguimi anche su Facebook:

Sono una mamma, ho 42 anni e due bambini di 8 e 9, insieme a noi vivono un piccolo branco di cagnolini (una la vedete con me nella foto) e una micina.

Per lavoro bazzico online tutto il giorno come blogger professionista, social media specialist e designer di progetti di vario tipo, anche capi e punti a crochet.

In pratica per lavoro scrivo e faccio progetti per il web, la mia giornata è pienissima ma potermi organizzare con gli orari mi permette anche di seguire casa e figli.

L’uncinetto è sempre con me insieme al computer e ai materiali “poveri”, con questi ingredienti amo progettare idee per i bambini, per la casa e per noi donne.

Interviste all’uncinetto: una nuova rubrica del venerdì

2. Alla seconda domanda di questa intervista non posso che chiederti come e quando hai imparato l’uncinetto e cosa ti ha spinto ad iniziare.

La storia dell’uncinetto, della maglia e del ricamo parte da lontano per me ma con esiti incerti fino a pochi anni fa.

Io ho fatto le scuole elementari dalle suore e loro ci facevano fare tanti lavoretti compreso uncinetto e ricamo a punto croce, insegnamenti di base per poi realizzare i regali per Natale per i genitori. Purtroppo io ero lentissima, uno dei più bei regali che ho fatto proprio in quell’epoca, un set di tovagliette all’americana in tela Aida bordato a crochet e con un piccolo ricamo giace ancora non finito a casa di mia mamma. Ci misi troppo tempo a arrivò a casa in quello stato…

Negli anni successivi mia mamma, molto brava sia a a ricamare che a fare crochet e maglia ai ferri, tentò di insegnarmi ma niente, ero sempre troppo lenta e con una mano strettissima.

Un po’ di anni fa la mia passione era lo scrapbooking (lo è ancora ma in questi ultimi tempi mi sono fermata, non ho l’ispirazione…) e andavano molto di moda applique e fiori all’uncinetto da applicare alle pagine come abbellimenti. Mi piacevano da matti e mi sono intestardita, dovevo riuscire assolutamente!

Alla fine ce l’ho fatta e la sorpresa è stata che mi sono appassionata e ho creato una serie di foto tutorial semplici e molto dettagliati qui sul blog e la Scuola di Uncinetto per Negati su Facebook, tutto dedicato a chi come me era “negata”.

Da negata sono diventata una designer e amo l’uncinetto alla follia, chi l’avrebbe mai detto?

3. Raccontami il tuo stile a crochet e dove prendi l’ispirazione.

Il mio stile è molto lineare e semplice, mi piacciono le forme e i punti puliti, senza troppi passaggi complessi.

Nei miei progetti cerco di ridurre al minimo tutte le complicazioni, per me uncinetto è sinonimo di relax, se devo diventare matta a tradurre spiegazioni incomprensibili o a contare come un contabile mi passa il divertimento.

I miei pattern sono famosi per non contenere nessuna abbreviazione, tutto è scritto in modo ultra comprensibile anche per chi è alle primissime armi.

L’ispirazione arriva dappertutto, anche quando sono davanti alla TV o a una vetrina di articoli che con filati e uncini non c’entrano niente.

4. Qual è stato il tuo ultimo progetto finito e cosa hai in programma per il futuro?

Ultimamente sto facendo tanti pattern velocissimi, come quelli di applique, piccole decorazioni e nuovi punti.

Uno degli ultimi che è piaciuto ed è stato condiviso tantissimo è stato il Punto Onda.

Per il futuro sto pensando ad un’altra serie di pattern semplici per realizzare oggetti utili, che appariranno free su un blog famoso.

5. L’uncinetto è un hobby o è diventato qualcosa di più nella tua vita?

L’uncinetto è diventato molto importante nella mia vita, ormai fa parte del mio lavoro e delle mie giornate e non posso pensare a starne lontano 😀

6. Quali sono i tuoi filati preferiti e dove vai a cercarli?

I miei filati preferiti sono tutti quelli naturali insieme a quelli riciclati come quello ricavato dai sacchetti di plastica o dai collant.

Quelli particolari e fatti con materiale di riciclo li faccio io, quelli naturali li compro un po’ dappertutto sia online che offline ma il mio fornitore più importante è la bancarella fornitissima del mercato settimanale della mia città, Se non ci fosse sarei rovinata visto che qui stanno chiudendo tutti i negozi di filati, ne sopravvive solo uno per ora…

7. Cosa ti piacerebbe fare con l’uncinetto e non hai ancora fatto…

Cose che non ho mai fatto ce ne sono un sacco, la cosa che non faccio mai sono progetti lunghi, di solito amo vedere la fine di un lavoro abbastanza in fretta e tutti i miei progetti si orientano in questo senso, però quando vedo lavori stupendi e lunghi come coperte e cappotti rimango incantata.

8. Ci sono dei blog che ti ispirano e che ti piace seguire?

Io seguo centinaia di blog sia in Italia che nel resto del mondo, anche restare sempre aggiornata fa parte del mio lavoro oltre a piacermi in modo esagerato.

Sono una lettrice compulsiva sia online che offline e i blog belli e interessanti non sfuggono a questa mia passione, per questo fatico molto a trovarne solo alcuni da suggerirvi.

Ne scelgo uno solo oltreoceano:  creative jewish mom di Sara che fa lavori splendidi e ogni tanto fa conoscere alle sue lettrici qualcuno dei miei.

Ci siamo incrociate per caso qualche anno fa e anche se io parlo poco l’inglese, e lei per niente l’italiano, ci siamo piaciute subito.

Hai un’altra domanda per me? Lasciala nei commenti qui sotto.

GUARDA ANCHE:   Video interessanti: fare la treccia a crochet (in italiano)

Interviste all’uncinetto: una nuova rubrica del venerdìInterviste all’uncinetto: una nuova rubrica del venerdìInterviste all’uncinetto: una nuova rubrica del venerdì

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

3 Commenti ♥

  • luglio 19, 2013

    Silvana

    Ciao Alessia e complimenti per la tua idea delle interviste. Una domandina da mamma lavoratrice appassionata di crochet: come conciliare il tutto? Io ho un vulcano di idee nella mia testa ma spesso mi ritrovo distrutta sul divano alla sera senza averne realizzata neanche una e mi arrabbio! Hai qualche consiglio?

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • luglio 19, 2013

    decoriciclo

    Anch’io ho iniziato da piccola, mi ha insegnato la mia nonna quando avevo circa 7 anni. E anch’io amo i lavori veloci, che proprio l’uncinetto permette di fare.
    Daniela

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • luglio 24, 2013

    Alessia

    @ Silvana:
    eh si Silvana, questo è un problema che ho anch’io, anche se il mio lavoro è proprio fare queste cose, per chi lavora fuori in modo completamente diverso è sicuramente molto peggio. Non è facile ritagliarsi un piccolo momento di relax per fare le cose che ci piacciono, magari provando a chiedere la collaborazione del resto della famiglia? Però lasciandoli fare anche se non sono bravissimi, io sono la prima che tende a fare tutto da sola perchè non riesco a star zitta in questi casi 😉

    <<  |  <  |  Rispondi  |  Quota

Lascia il tuo commento! ♥