Come limitare il tempo dei videogiochi ai bambini

Fino ad adesso non ho mai comprato i videogiochi ai miei figli, neppure il Nintendo DS che è sempre stato molto desiderato.

Visto che non lo compravo Lapo se l’è costruito di cartoncino con la pennina e tutto il resto e ci giocava davvero, toccando lo schermo disegnato.

Com’era successo per l’ominitrix di Ben Ten mi ha stupito con la sua intraprendente inventiva, ogni volta si ingegna e crea dei piccoli capolavori.

Adesso che il padre ha deciso di regalargli proprio il Nintendo DS per la promozione ecco che mi si presenta il problema di come “regolamentare” il tempo passato sui videogiochi.

Non avevo assolutamente nessuna idea finché, l’altro giorno, non ho letto l’articolo works for me: limiting kids TV time di Mama Hall, che si è inventata un sistema assolutamente geniale per regolamentare l’accesso alla TV, ma che può essere riconvertito in moltissimi modi, tra cui anche i videogiochi.

In pratica si devono realizzare delle card settimanali con una serie di caselle che indicano i moduli di tempo (Mama Hall usa 30 minuti per casellina e io anche) con cui i bambini possono accedere alla TV o al videogioco, io in una settimana permetto 10 moduli da 30 minuti di Nintendo DS.

Seguimi anche su Facebook:

Ogni volta che i bambini usano un modulo da 30 minuti io vado a perforare una casellina, quando tutte le caselline sono perforate il tempo da dedicare ai videogiochi in quella settimana è scaduto.

GUARDA ANCHE:   Idee video fai da te: come fare una ghirlanda di cuori di carta 3D

Se i bambini riescono a “risparmiare” almeno 3 caselline sulla singola tessera, hanno diritto ad un regalino a loro scelta nel negozio tutto a 1 euro.

Tutte le regole possono essere adattate alle proprie esigenze familiari e si possono fare tessere per altri argomenti, avete visto come sono stata brava a disegnare il videogioco sulla tesserina? E’ una PSP ma il Nintendo DS non ci stava.

Ovviamente per realizzarle ho usato carta di recupero :mrgreen:

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

5 Commenti ♥

  • luglio 7, 2011

    melavelenosa

    Una idea davvero geniale! Dite che funziona anche con la questione ” fidanzati – calcio in tv” ? ^__^ In fondo sono dei bimbi anche loro … !

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • luglio 7, 2011

    Alessia

    @ melavelenosa:
    questa è un’opzione decisamente da provare, devi studiarti un bonus speciale se risparmia le ultime tre caselline :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • luglio 11, 2011

    barbara

    l’idea è carina, anche se devo dirti che avendo resistito anni prima di cedere al DS e alla Wii ora che ce l’hanno (a 8 e 9 anni) sono talmente tanti gli interessi che hanno che i videogiochi sono uno tra tanti. Io non mai permesso che vedessero la tv più di 30 min al giorno, e solo nel tardo pom (mai di mattina, nè al ritorno da scuola). i miei bambini sono appassionati di Lego, giochi da tavolo, scacchi, dama, e leggono moltissimo. L’unica cosa che non mi piace molto -scusa la sincerità- è l’idea del regalino se risparmiano i moduli di videogiochi. Non credo che ai bimbi serva un premio per capire che ai videogiochi ci sono altre alternative di gioco! in ogni caso trovo l’idea dei moduli bellissima, e credo sia un grande aiuto specie per dare il senso del tempo ai più piccoli!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] la prima versione del Nintendo DS di Lapo che vi avevo mostrato in Come limitare il tempo dei videogiochi ai bambini con la pennina e tutto il resto, Leon ne ha costruito un […]

  • […] i dettagli su questa idea li trovi qui QUI. Ti piace quello che scrivo? Condividilo…Tweet giugno 13th, 2012 | Tags: bambini, […]

Lascia il tuo commento! ♥