Spugnetta di nylon fai-da-te, per lavare i piatti riciclando

Si lo so, questo sembra un post più adatto a Casa Organizzata, diciamo che sta a metà strada tra il craft e la casalinga disperata e quindi ho deciso di pubblicarlo a “reti unificate” :mrgreen:

Spugnetta di nylon fai-da-te, per lavare i piatti riciclando

In questo periodo ho la casa invasa dalle “retine” delle arance e anche Elena (di depuriamo n.d.r.) direi che ha lo stesso problema, infatti al prima domanda che mi ha fatto quando ci siamo (virtualmente) conosciute è stata proprio sul come riciclare ste benedette retine, lei è stata molto brava e ne ha realizzato una decorazione per il pacchetto che mi ha mandato qualche giorno fa e di cui ho scritto in Depuriamo: ricette per un mondo nuovo.

Io però stavo cercando un’idea più pratica, un’idea da usare tutti i giorni…

Spugnetta di nylon fai-da-te, per lavare i piatti riciclando Pensa che ti ripensa mi è uscita fuori la spugnetta per lavare i piatti bianca e rossa 😉

Semplicissima è l’ideale per togliere tutte le incrostazioni senza rigare neppure le padelle antiaderenti, non viene intaccata dall’umidità e dai batteri come le spugne normali, basta scrollarla bene dopo l’uso ed appenderla ad asciugare, si riusa quasi all’infinito e si può regalare alle amiche insieme ad un barattolo di detersivo ecologico per lavastoviglie fatto in casa.

Seguimi anche su Facebook:

Costo dell’operazione: praticamente ZERO!

Ingredienti:

– retine di plastica (quelle di rafia sintetica non vanno bene) delle arance & c.

GUARDA ANCHE:   [Guest Post] Un presepe intero con uncinetto e filo di plastica

– rafia sintetica

– ago da lana in metallo, ditale e pinze rotonde per bigiotteria

Per avere una spugna sufficientemente grande ci vogliono 2 retine, puoi lasciarle intere oppure tagliarle in grossi rettangoli, poi devi stropicciarle strette strette in mano e tenendole ben ferme devi infilare in messo la rafia con l’ago da lana, fia piano piano per non rischiare di rompere l’ago ed aiutati con il ditale e le pinze.

Passa dentro, al centro della spugna 4.5 volte fino a tornare al punto di partenza, a questo punto avrai i due fili (di arrivo e partenza) dalla stessa parte.

Sfila l’ago dalla rafia ed annoda con un nodo doppio i due capi, con la rafia che avanza fai l’asola con altri due nodi in cima e in fondo et voilà, la spugna è pronta.

In teoria potrebbe andare bene anche per la doccia, per lo scrub, proverò…

E’ geniale oppure no? Con materiali davvero poveri si riescono a fare cose strabilianti, io mi stupisco sempre di quello che si riesce a tirarne fuori 😀

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

22 Commenti ♥

  • febbraio 17, 2010

    Elle

    SEI UNA MAGA!!!!!

    bellissima anche l’idea di regalare detersivo fai da te insieme alla spugnetta fai da te, brava brava brava!

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    BarbaraSpeedy

    Incomincio a mettere via le retine…. :mrgreen:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    Ines

    E’ un’idea meravigliosa!! Adoro!!
    E mi piace tantissimo l’idea di regalarla con un barattolino di detersivo della lavastoviglie fatto in casa… 😉
    Grazie mille mille!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    Michela

    Sei mitica!adoro il riciclo e questa è di sicuro una grande idea,la copio subito subito!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    LILLY

    ACCC……. avevo appena buttato la retina, ora comincerò anche a rovistare nella spazzatura!! Ahahahahaha. Grazie per l’ottima idea.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    la vale

    Veramente una bella idea!
    Proprio stasera devo comprare arance e limoni…ed ecco come non buttare via niente!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    Beta

    Mamma mia… pura telepatia 😯
    sono giorni che ho una retina viola che staziona sul tavolo da lavoro in attesa di diventare una spugnetta :mrgreen:
    💡 Secondo me vanno benissimo per la doccia (io ormai uso solo le spugne di rete…) forse però, funzionano meglio quelle a maglia più piccola e morbida (alcune al tatto sono molto “plasticose”!)… almeno, questa è la mia sensazione… 😀

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    vio-yersinia

    Io ho trovato la maniera di usarle per decorare il tessuto creato fondendo i vari sacchetti di plastica
    http://cantucciodiyersinia.splinder.com/post/18184669/E+vai+con+le+plastichine+ricic

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    vio-yersinia

    dimenticavo, l’idea delle spugne è assai ingegnosa!!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    cRiSTiNa

    Geniale??? Di più!!
    Anch’io da tempo pensavo a come poter riciclare le retine: mi dispiace tanto buttarle via! So che si possono utilizzare, ad esempio, come base per realizzare una parrucca in lana annodando nei buchini i fili ad uno ad uno… ma – almeno per il momento – non credo di avere urgentemente bisogno di una parrucca in lana, eh-eh! 😛
    Ma una spugnetta così è bella, veloce da fare, ecologica, pratica ed utile! Se poi dovesse andar bene pure per la doccia, allora…
    Grazie mille per l’idea e per la condivisione!
    cRiSTiNa

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    ciri

    Ale questa idea è formidabile! …direi quasi ECO-Chic !

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    Chiara

    Stupenda idea!!! Ho giusto giusto due retine… adesso provo!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] settimana è per me sicuramente quella di Alessia, che con le retine delle arance ha inventato le spugne per i piatti. Geniale. Io quasi quasi, come suggerisce lei tra le righe, appena trovo una retina in materiale […]

  • febbraio 18, 2010

    Alessia

    Grazie care :mrgreen:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 18, 2010

    EleVi

    Sei un genio!!!Un’idea fantastica per utilizzare tutte le retine che ho immancabilmente salvato! Grazie 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 18, 2010

    maria

    Sei un vulcano di idee!!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] aver pensato alla Spugnetta di nylon fai-da-te, per lavare i piatti riciclando mi restavano ancora le retine […]

  • febbraio 22, 2010

    cucicucicoo

    lo so che l’hanno già detto tutti, ma non so che altro dire: GENIALE!!!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 24, 2010

    gio

    😛 quest’idea è uno spettacolo di creatività a servizio dell’ambiente. siamo felici di averti su ecozoom.tv.
    iscriviti sulla community e inserisci le foto dei tuoi lavori, tante persone ecosensibili le aspettano! 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • giugno 2, 2010

    roscio

    non male! io fino ad ora le usavo come busta per la spazzatura.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] scrub su tutta la pelle…, p. 30. Provare per credere! Ad esemoio visitate la pagina http://www.school-of-scrap.com/2010/spugnetta-di-nylon-fai-da-te-per-lavare-i-piatti-riciclando/ …il libro è veritiero!). Stampa questo articolo Non ci sono […]

  • […] Può capitare di comprare patate, cipolle, aglio e agrumi in retine di plastica. Anziché gettarle via, possono essere recuperate per trasformarle in spugnette abrasive.C’è un modo per costruirle molto semplice, che parte da una retina tubolare, in cui si inseriscono, comprimendole bene, altre retine. Ottenuta la palla di dimensioni adeguate, si legano le estremità tra di loro ed è pronta. Un altro modo per costruirle, che le rende adatte all’uso per il corpo, è spiegato qui: http://www.school-of-scrap.com/2010/spugnetta-di-nylon-fai-da-te-per-lavare-i-piatti-riciclando. […]

Lascia il tuo commento! ♥