Depuriamo: ricette per un mondo nuovo

Depuriamo: ricette per un mondo nuovoL’altro giorno è arrivato il pacchettino che mi ha mandato Elena di Depuriamo, mi aveva preannunciato che stava cercando idee per utilizzare le retine che avvolgono fiori, arance, ecc. e quando ho aperto la busta ecco il pacchetto che ho trovato, che splendida idea: rafia, retine rosse e bianche e una stallina di feltro, elegantissimo  😀

Dentro c’erano un po’ dei “prodotti” di Depuriamo, un’altra idea geniale: etichette, cartellini, segnalibri, etichette di stoffa da cucire da abbinare ai nostri regali fai-da-te e/o riciclati, per raccontare la storia e garantirne la provenienza, vi rimando al sito per leggere per intero la filosofia.

Elena e Raffaele me li hanno mandati per farmi conoscere da vicino il progetto perché presto collaboreremo e troverete alcuni mie idee anche sul loro sito, non posso restare insensibile alle idee intelligenti, riciclose ed ecologiche, proprio non ce la faccio anche se il mio tempo è al lumicino 😉

Vabbè andatevi a leggere i dettagli di questa bella novità direttamente sul sito, che è speigato molto meglio di come ho fatto io!

Depuriamo: ricette per un mondo nuovo

Guarda anche:

GUARDA ANCHE:   Crochet e Amigurumi al maschile!
Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

8 Commenti ♥

  • febbraio 16, 2010

    Elle

    grazie carissima! non vedo l’ora di vedere le tue opere su depuriamo, preparo già uncinetti e ferri da calza.. a proposito.. in un futuro in cui le ore del giorno saranno 48, potresti prendere in considerazione l’idea di scuola di lavoro a maglia per negati assoluti totali? Avevo una mamma che sferruzzava DA DIO, e ora che non c’è più non ricordo nemmeno come fare la maglia a tubolare!!!!

    baci e grazie, di tutte le bellissime cose che fai, rimango sempre senza fiato!

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 16, 2010

    Alessia

    @ Elle:
    eh eh eh, sappi che è già in programma per il futuro la scuola di maglia per negati :mrgreen:
    Purtroppo siccome io sono incompatibile con la maglia ai ferri (almeno per ora!) le foto passo passo devo fare con l’ausilio di mia mamma e finchè abitiamo lontane la cosa è un pò difficile, ma prometto che prima o poi arriva 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 16, 2010

    Ork'Idea Atelier

    Il pacchettino è molto intrigante e la filosofia non potrei che appoggiarla :-))
    Non vedo l’ora di vedere i frutti della Vostra collaborazione, già sei grande fonte d’ispirazione così per me, chissà poi :-)))
    Bravissima e complimenti,

    Un abbraccio
    Cristina

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 16, 2010

    Elle

    yuppppyyyyy! allora confidiamo in tua mamma, la scuola di maglia per negati è necessaria! senti ma tutti sti scaldacollo che fai non sono mica fatti ai ferri? 😮

    in settimana aggiorniamo depuriamo, siam lenti ma costanti 😆

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 16, 2010

    Alessia

    dipende: se li faccio io sono rigorosamente all’uncinetto, se li fa mia mamma (ad esempio il “valentine blue”) possono essere indifferentemente a maglio o a crochet, lei è bravissima, la negata sono io (il nome della scuola viene da lì) 😆

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 16, 2010

    Alessia

    Vabbè dai, diciamo che a crochet lo ero negata, ho recuperato in corner :mrgreen:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] In questo periodo ho la casa invasa dalle “retine” delle arance e anche Elena (di depuriamo n.d.r.) direi che ha lo stesso problema, infatti al prima domanda che mi ha fatto quando ci siamo (virtualmente) conosciute è stata proprio sul come riciclare ste benedette retine, lei è stata molto brava e ne ha realizzato una decorazione per il pacchetto che mi ha mandato qualche giorno fa e di cui ho scritto in Depuriamo: ricette per un mondo nuovo. […]

  • […] In questo periodo ho la casa invasa dalle “retine” delle arance e anche Elena (di depuriamo n.d.r.) direi che ha lo stesso problema, infatti al prima domanda che mi ha fatto quando ci siamo (virtualmente) conosciute è stata proprio sul come riciclare ste benedette retine, lei è stata molto brava e ne ha realizzato una decorazione per il pacchetto che mi ha mandato qualche giorno fa e di cui ho scritto in Depuriamo: ricette per un mondo nuovo. […]

Lascia il tuo commento! ♥