Blogger per Lavoro con Passione: tutto quello che non hai mai osato chiedere sulle immagini per il blog

Buongiorno gente, oggi voglio affrontare un tema decisamente caldo, si parla di immagini e foto per il blog: Come devono essere? Si possono usare le immagini che trovo su internet? Le foto ad alta risoluzione come le riduco per pubblicarle?

A queste e ad altre domande diamo un risposta semplice e inequivocabile, faccio un bignami per tutte le situazioni che possono capitarvi e per riuscire a risolverle senza rompervi la testa e perdere tempo o, peggio, violare la netiquette o la legge.

Ovviamente sono regole valide per tutti i blog e i siti, ma è ancora più importante seguirle se vogliamo comportarci e diventare delle blogger professioniste.

Sono pochi i punti da tenere a mente, solo due, ma su quelli non si deve sgarrare mai.

Cominciamo?

Blogger per Lavoro con Passione: tutto quello che non hai mai osato chiedere sulle immagini per il blog

1. Le immagini che si trovano online non si possono usare liberamente.

Seguimi anche su Facebook:

Finalmente si comincia ad essere un pochino più sensibili alle violazioni del diritto d’autore, però le brutture sono ancora tante.

Se vuoi diventare un professionista devi conoscere le leggi e le regole che regolano anche questo aspetto, con le immagini non si scherza (e la stessa cosa vale per gif animate e video), si possono usare solo a determinate condizioni.

Sia che tu le voglia pubblicare sul blog, sia che tu le voglia piazzare sui tuoi profili social devi ricordarti che se le foto sono le tue puoi usarle liberamente alla condizione che non ritraggano minori di cui non hai la patria podestà.

Se hai fotografato anche i figli delle tue amiche o i compagni di scuola del tuo bambino sei su un terreno minato, per stare tranquilla devi avere le liberatorie egli altri genitori oppure puoi oscurare i visi dei minori.

GUARDA ANCHE:   Le 100 [e+] cose che amo: gatti e micini

Se hai trovato una foto online che vuoi usare devi capire da dove proviene e chi è il proprietario dei diritti, per risalire alla fonte originale, se non riesci a capirlo dal sito dove l’hai trovata, puoi usare la ricerca inversa delle immagini con Google.

Quando hai trovato il proprietario e sei sicura che sia lui devi innanzitutto controllare sul sito se ci sono delle specifiche di utilizzo delle immagini, possono essere licenze Creative Commons, possono essere altre regole oppure possono esserci tutti i diritti riservati con il veto alla ripubblicazione.

Nei primi due casi, Creative Commons o regole di riutilizzo, ti basta seguirle religiosamente e sei a posto.

In genere è consentito usare una sola foto a bassa risoluzione aggiungendo il link cliccabile al post originale ben visibile vicino all’immagine (e non il link diretto alla foto).

Soprattutto per quanto riguarda i tutorial, gli schemi di uncinetto e le sequenze per imparare a creare oggetti fai da te difficilmente l’autore consentirà di prendere tutte le foto, ma solo l’immagine dell’oggetto finito, la cosa è più che comprensibile, non credi?

Nel secondo caso hai due strade, la prima è scegliere un’altra immagine che non sia vietata, la seconda è provare a mandare un messaggio all’autore per spiegare cosa ne vuoi fare e provare ad ottenere il suo permesso scritto.

le licenze creative commons

Se malgrado tutte le ricerche non riesci a trovare l’autore, oppure non sei certa dei suoi desideri per la condivisione delle foto, l’unica soluzione etica e LEGALE è non usarla.

GUARDA ANCHE:   Perchè a Pasqua mangiamo le uova di cioccolato?

Hai già usato tante foto che non sono tue sul blog? Il mio consiglio è di andare a rivederle tutte una per una e correggere il tiro sistemando le cose secondo le leggi sul diritto d’autore.

Dopo tutte queste notizie che possono sembrarti brutte te ne lascio una che può esserti utile: esistono dei siti che offrono fotografie professionali ad alta risoluzione completamente libere da copyright, uno dei più famosi è Unsplash.

Ovviamente non c’è tutto, ci sono tantissime immagini ma non è detto che si trovi sempre quello che serve.

L’ulteriore alternativa sono i siti di stock foto, in questo caso si paga un abbonamento mensile che permette di scaricare un numero prestabilito di foto, questi sono enormi e sopra c’è veramente di tutto, ci sono fotografie bellissime per ogni esigenza ma la qualità e l’assortimento hanno un costo.

Ah dimenticavo: anche se il tuo sito o la tua pagina Facebook non ha scopo di lucro sei tenuto a rispettare il diritto d’autore e non puoi pubblicare immagini senza usare le regole che ho raccontato qui sopra.

2. Le immagini pesanti rallentano il blog e fanno scappare i tuoi lettori.

Se fino ad ora hai usato le fotografie appena uscite dallo smarphone o dalla fotocamera preparati ad un bel lavoro di sistemazione dei vecchi post.

Le immagini che scattiamo sono ad alta risoluzione, in gergo si dice che sono “pesanti” e infatti se messe sul blog così come sono appesantiscono molto il caricamento delle pagine.

La conseguenza è che il blog diventa lento ad aprirsi e tantissimi potenziali lettori chiuderanno il browser prima di aver caricato il sito.

GUARDA ANCHE:   fotografia di qualità, protagonista o marginale nello scrap?

Quindi il segreto e editare la foto dopo lo scatto con un programma di grafica come Photoshop (se hai le conoscenze giuste) oppure usare dei programmini più semplici o addirittura dei tool online o delle app da smartphone.

Uno dei migliori programmi, che però devi scaricare sul pc, secondo me è Picasa di Google, come tutti gli strumenti offerti da Google è leggero, semplice da usare e molto efficace.

Una alternativa ottima che si usa direttamente online senza scaricare niente è Optimizilla, basta caricare la foto da comprimere sul sito, vedere se va bene la compressione automatica oppure modificarla a piacere e poi scaricare la foto risistemata. Più semplice di così non si può.

Ma qual è il peso ideale per le foto da mettere sul blog?

Il peso giusto è sempre inferiore al 150 kb, meglio ancora sotto i 100 (anche se io non sempre riesco a starci) ma sempre controllando di non perdere qualità, anche quella è molto importante, soprattutto in blog visuali :mrgreen:

Credo di aver detto tutto quello che serve, se avete altri dubbi sono a vostra disposizione nei commenti e vi lascio questo  video utile e sfizioso.

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

10 Commenti ♥

  • Marzo 13, 2015

    Michela

    Grazie mille! Vado subito a sistemare le foto

  • Marzo 14, 2015

    Laura

    Ciao Alessia e grazie. Non sono nel web :no blog no fb ecc… ci sono solo con G+ e metto solo le mie foto . Ho le boards su Pinterest, si applicano le regole da te descritte? Grazie in anticipo per la risposta.
    Buon fine settimana
    Laura

  • Marzo 14, 2015

    Alessia

    @ Laura:
    ciao Laura, la risposta è ni, nel senso che Pinterest se usato bene non viola mai il copyright, però bisogna controllare sempre che il sito da cui pinni sia quello del proprietario delle foto. Purtroppo le violazioni online sono tante e se non si fa attenzione si rischia di condividere i siti che fanno i “paraculi” prendendo foto non loro senza averne diritti e questo ovviamente reca danno al legittimo proprietario.
    Se vuoi approfondire ecco un post che avevo scritto la riguardo qui=> https://www.school-of-scrap.com/2012/pinterest-funziona-e-non-vola-il-copyright/

  • Marzo 14, 2015

    Alessia

    @ Michela:
    ciao Michela, com’è andato il controllo delle vecchie foto? Sei riuscita a sistemare? 😉

  • Marzo 14, 2015

    Laura

    @ Alessia:
    Grazie Alessia,ho letto il post che mi hai segnalato.Quando pinno, guardo sempre e dico sempre ,dove mi porta il link .Per principio non pinno se se la cosa è vaga e non mi porta al sito del proprietario. Di ieri, mentre navigavo, un Pinterest di una ragazza russa, c’era la foto di una borsa di Doria,ma non portava ad” Unideanellemani”,ma al suo sito personale.
    Grazie .Spero di comportarmi sempre correttamente,i miei errori non sono voluti.
    Laura

  • Marzo 16, 2015

    Sara

    Ciao! Passo di qui per caso, ma complimenti per il tuo blog.
    Anche il post è molto ricco e chiaro, fa sempre bene scrivere su questioni delicate come il diritto d’autore.
    Mi permetto solo di segnalare un’errata corrige: verso la fine del post parli di dimensione media di una foto di 150mb… immagino volessi parlare di kb 😉

  • Marzo 16, 2015

    Alessia

    @ Sara:
    sono contenta che il post ti sia piaciuto e grazie infinite per la segnalazione, il refuso malefico ci scappa sempre, ora correggo 😀

  • Ciao Alessia, complimenti per il post molto utile! Ho un dubbio: io normalmente nel mio blog uso le mie foto solo in pochi casi ho utilizzato foto non mie e le ho prese da questo sito http://pixabay.com (dove teoricamente e’ possibile utilizzarle gratuitamente e non sono coperte da copyright). Mi chiedevo ma in questo caso devo citare che comunque le ho prese da questo sito o non c’e’ bisogno? io non l’ho messo il link per la cronaca 😛

  • Marzo 23, 2015

    Alessia

    @ Lucrezina – Peekaboo Travel Baby:
    ciao, non è necessario aggiungere nessun link in questo caso, le fotografie su questo sito sono Copyright 0 e quindi libere da ogni diritto, puoi lasciarle come le hai messe.

  • @ Alessia:
    Grazie 😀

Lascia il tuo commento! ♥

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.