Calendario all’uncinetto 2017 PDF da stampare e auguri di buone feste a tutti
Domani è già la vigilia, a me quest’anno sembra volato! E’ stato anche un anno...
Lavoretti per bambini: le palle di neve natalizie con i personaggi Disney
Dimmi la verità, anche tu già da questo weekend lunghissimo stai pensando a come...

Latte, prescinsèua, focaccia, pansoti e un po’ di buone ricette e cose liguri‬‪

Lo sapete che qui non pubblico spesso ricette, lo faccio solo quando la ricetta è davvero speciale e per me speciale vuol dire buona, semplice e veloce.

Se vi dicessi che si possono realizzare della focacce usando la pasta della tipica Focaccia di Recco senza lievito, formaggio e farciture a piacere in 15-20 minuti tutto compreso?

Si può e il risultato lo vedete nella foto qui sotto, purtroppo non posso farvele assaggiare perché sono finite in un battibaleno ma io le riproduco spesso e potete farlo anche voi.

Ci servono: farina a piacere (io prediligo la semola rimacinata), olio extravergine d’oliva (possibilmente ligure), acqua, sale e prescinsèua o stracchino.

Si mangia così, oppure si può aggiungere praticamente qualunque cosa, io amo affettare sottili le zucchine chiare o i cipollotti di Tropea.

Latte, prescinsèua, focaccia, pansoti e un po’ di buone ricette e cose liguri

Siccome non serve lievito non serve neppure tempo di lievitazione, la pasta si prepara in un attimo in una ciotola mettendo prima la farina, un pizzico di sale poi l’olio extravergine, per ogni 100 grammi di farina io ne metto due cucchiai, poi acqua fredda di frigorifero q.b. per ottenere una pasta morbida ed elastica da lavorare  velocemente.

Seguimi anche su Facebook:

Non vi indico una quantità di acqua perché l’assorbimento dei liquidi dipende molto dal tipo di farina che userete, il segreto per non sbagliare mai è di aggiungere l’acqua e i liquidi a poco a poco, in questo modo ci possiamo fermare appena la consistenza della pasta è quella giusta.

Questa è la ricetta della focaccia di Recco, normalmente si dovrebbe lasciar riposare 30 minuti ma anche lavorata immediatamente non perde niente.

Quando la pasta è pronta la divido in 3 palline (con 100 grammi di farina escono tre schiacciate come quelle in foto) che stendo sottili con il mattarello.

Aggiungo il formaggio sopra e poi regolo di sale e pepe e inforno a 240° per 8-10 di minuti. In pochissimo tempo sono pronte e non fanno in tempo a raffreddare,

IMG_0228

Latte, prescinsèua, focaccia, pansoti e un po’ di buone ricette e cose liguri

La prescinsèua è una cagliata tipica della mia regione, la Liguria, non somiglia a nessun altro formaggio e si usa per un sacco di preparazioni tipiche della nostra cucina, alcune non le conoscevo neppure io e ho imparato tantissimo durante la vista allo stabilimento del Latte Tigullio la settimana scorsa.

Vedere cosa succede in una centrale del latte come questa è davvero affascinante, dalla pastorizzazione fino al momento dell’inscatolamento ci sono macchinari per ogni passaggio e sono tutti controllati da computer che registrano i vari passaggi in modo da poter certificare che tutto è stato fatto a regola d’arte.

L’igienizzazione, la sterilizzazione e il mantenimento della catena del freddo sono un punto fermo e in questo modo il latte fresco è l’alimento che più si avvicina al latte crudo, quello appena munto dalla mucca, ma senza più rischi per la salute.

Latte, prescinsèua, focaccia, pansoti e un po’ di buone ricette e cose liguriLatte, prescinsèua, focaccia, pansoti e un po’ di buone ricette e cose liguri

Latte, prescinsèua, focaccia, pansoti e un po’ di buone ricette e cose liguri

Latte, prescinsèua, focaccia, pansoti e un po’ di buone ricette e cose liguri

Dopo la visita allo stabilimento un tour per Rapallo durante il Green Carpet è stata la ciliegina sulla torta. Ho visto lo storico furgoncino delle consegne di Latte Tigullio, che è splendido, ho scoperto e assaggiato un sacco di leccornìe e meraviglie del mio territorio e ho sentito bellissimi racconti sul recupero dei cibi tradizionali che non si sono persi solo per l’amore di alcuni arditi pionieri per la nostra bella Italia che dovremmo imparare a valorizzare di più.

Uno dei protagonisti di questi racconti è il “pansoto” (rigorosamente con una T sola) di Rapallo, una preparazione tipica che ha ottenuto la De.Co.

Si prepara con una sfoglia sottile di pasta all’uovo e un ripieno di erbette della zona, uova e prescinsèua.

Se volete la ricetta ufficiale la trovate qui direttamente sul sito delle Denominazioni Comunali.

Latte, prescinsèua, focaccia, pansoti e un po’ di buone ricette e cose liguri

Questo post è offerto da Latte Tigullio.

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

1 Commento ♥

  • luglio 31, 2015

    giusy (jos62)

    Sei venuta a Rapallo!
    Lo stabilimento del Latte Tigullio è a due km da casa mia…
    Spero che tu abbia trascorso una bella giornata

Lascia il tuo commento! ♥