Le prime novità dell’anno nuovo: il diario

Mentre aspetto la fine del Giveaway del 6° anno di Alessia scrap & craft (si vince un Primitive Cape n.d.r.), e leggo i suggerimenti che mi state regalando, introduco due prime novità qui sul blog…

Più o meno giornalmente aggiungerò un post speciale per raccontare come mi sento.

Una sorta di diario personale sui miei sentimenti, sulle mie paure e qualche volta spero anche sui miei successi personali e privati.

Questo servirà a me, proprio per una “scrittura zen”, per esorcizzare i momenti difficili (che in questo periodo capitano spesso ma che finora non avevano trovato uno sbocco sul blog) e per celebrare quelli belli, e a voi per conoscermi meglio se come me amate approfondire la conoscenza delle blogger che leggete.

Insieme al diario cercherò di mettere una fotografia e una canzone che mi sia d’ispirazione e di sprone, spero che ispireranno anche voi 😀

Comincio con questo primo post, diciamo che sarà il numero zero della serie, scrivetemi cosa ne pensate…

Seguimi anche su Facebook:

Oggi sono ricominciate le scuole e non so bene come andrà la giornata, sono un po’ in ansia per alcuni problemi che i miei bambini hanno avuto negli ultimi mesi, spero che le cose migliorino ma l’ansia non mi abbandona.

Mi sembra impossibile di dovermi preoccupare così tanto già dalla scuola elementare anche se il rendimento è buono.

Io quando ero bambina non ho mai avuto problemi scolastici di nessun tipo, i miei cinque anni di elementari sono scivolati via tra una maestra splendida, tantissime cose imparate che mi servono ancora oggi, una scuola perfetta sia dal punto di vista organizzativo che strutturale e invece mi trovo nel 2012 a dover stare in ansia (e chi mi conosce sa che non sono assolutamente una mamma ansiosa) e a chiedermi se non sia il caso di pensare ad un’altra scuola (ma non vedo alternative valide) e a cosa faremo quando sarà l’ora di scegliere la scuola media!

Credo che le mamme e i bambini si meritino di più: l’efficienza, l’empatia, la voglia di capire.

Oggi ci sarà anche un altro inizio, si ricomincia il corso di nuoto e quindi dopo le lezioni dovremo correre in piscina, abbiamo i secondi contati.

La mia canzone di oggi è dedicata ai miei bambini e alla scuola che vorrei per loro:

vedo i tuoi veri colori
che brillano
vedo i tuoi veri colori
ecco perché ti amo
quindi non aver paura di mostrarli
i tuoi veri colori
sono belli come un arcobaleno

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

2 Commenti ♥

  • gennaio 9, 2012

    Barbara

    Anche la mia esperienza con la scuola elementare dei miei figli e’ molto impegnativa, tanto impegno e tante ore di studio. La scuola ha poche risorse ma il livello di insegnamento e’ altissimo e i miei bimbi vivono la scuola in modo spensierato e con molto entusismo, con una preparazione veramente solida che restera’ loro per tutta la vita. Dall’anno prossimo uno dei due comincia le medie e mi sembra chw debba crescere troppo in fretta… Loro hanno voglia di crescere e di essere indipendenti, io avrei voglia di fare la chioccia ancora un po’. Per me la scuola e’ stata sempre un incubo e mal di pancia ogni mattina anche se non ho mai avuto problemi di rendimento. Ho giurato a me stessa che avrei cercato di far vivere ai miei bimbi la scuola come una fantastica opportunita’ per costruirsi il futuro, con entusiasmo e curiosita’. Per ora ci sono riuscita ma siamo solo all’inizio della loro carriera! In bocca al lupo e pensa che non sei sola nelle tue ansie.

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 9, 2012

    Chiara - Ideekiare

    Per me è stata dura per un altro motivo, invece… Riccardo è al secondo anno di asilo; l’anno scorso è stato un incubo, perchè ha vissuto malissimo il distacco, e ancora mi dispiace di come siano andate le cose. Quest’anno scolastico è cominciato alla grande, nemmeno una lacrima, e dopo qualche settimana è venuto fuori pure l’entusiasmo. Oggi, invece, ha pianto… il rientro è stato pesante 🙁
    Non vedo l’ora di andare a prenderlo per coccolarlo un pò!

    ps: con questi scambi di notizie forse non potremo risolvere i nostri problemi, ma sono grata del fatto che almeno possiamo condividere le preoccupazioni e alleggerirci un pò il cuore 🙂

    ciao ciao
    Chiara

    <<  |  <  |  Rispondi  |  Quota

Lascia il tuo commento! ♥