Blogger per lavoro con passione: Cookie Law facciamo chiarezza
E’ già il primo giugno e domani entrerà in vigore questa benedetta legge sui...
Blogger per Lavoro con Passione: tutto quello che non hai mai osato chiedere sulle immagini per il blog
Buongiorno gente, oggi voglio affrontare un tema decisamente caldo, si parla di immagini...

Dichiarazione per vendita opere dell’ingegno da scaricare e stampare

La vendita di opere dell’ingegno ha una normativa ben precisa del tutto scollegata da quella dei cosiddetti “hobbisti” e ve l’ho raccontato in Vendere craft: legislazione e aspetti fiscali e ancora in Vendere craft: il tesserino hobbisti comunale.

E negli stessi due post vi avevo parlato della Dichiarazione sostitutiva di Atto di Notorietà che è necessaria quando si vuole vendere proprie opere dell’ingegno, avevo promesso che l’avrei preparata da scaricare, stampare e compilare ed eccola qui.

Deve essere tutta compilata e firmata e dovete portarvela sempre dietro quando vi apprestate a esporre e vendere opere dell’ingegno, cioè come dice la legge:

a chi venda o esponga per la vendita le proprie opere d’arte, nonché dell’ingegno a carattere creativo, comprese le proprie pubblicazioni di natura scientifica o informativa, realizzate anche mediante supporto informatico;

In pratica autocertificate che vendete, in modo saltuario e non professionale, oggetti creati da voi e che secondo la legge avete l’esonero dall’obbligo di rilascio di ricevuta fiscale…

In questo periodo il sistema “Pay with a Tweet” non sta funzionando molto bene e non permette di “pagare” con Facebook, quindi ho deciso di non usarlo, almeno finché non sistemano di nuovo il tutto…

Quindi che faccio? Scaricamento libero del .pdf direttamente cliccando sull’immagine ma vi chiedo di cliccare anche sul “mi piace” o di twittarlo, direttamente con i bottoncini qui sotto.

Seguimi anche su Facebook:

E’ un piccolo modo per ringraziarmi del lavoro che ho messo nel realizzarlo, basta proprio poco per farmi felice, basta condividere e diffondere la creatività come un virus, e magari tutti i virus fossero così divertenti… :mrgreen:

Ciao, grazie per essere arrivato a leggere fino in fondo.
Sono Alessia e scrivo questo blog per passione, con il tempo ne ho fatto il mio lavoro principale ma l'amore per la scrittura e la creatività è il motore che mi spinge ad andare avanti.
Se ti è piaciuto questo articolo, la soddisfazione più grande che puoi darmi è quella di condividerlo sui social media e di lasciare un tuo commento.

Seguimi anche su Pinterest: Visit Alessia Gribaudi Tramontana (Alescrap)'s profile on Pinterest.

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

36 Commenti ♥

  • agosto 21, 2011

    mina

    grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • agosto 21, 2011

    loredana

    Grazie Alessia.
    Un saluto
    Dana

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • agosto 22, 2011

    susanna

    GRAZIE INFINITE PER TUTTO IL LAVORO CHE FAI……….

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • agosto 22, 2011

    pandora

    …mi hai fatto pensare a quando, un bel po’ di tempo fa, compilavo la mia “dichiarazione di vendita di opere del proprio ingegno creativo”, rilasciata dal comune…ed è ancora nel mio portafoglio tutta consumata!
    che belli i mercatini, mi fai venire nostalgia 😉
    un bacio e grazie!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • agosto 30, 2011

    roberta

    Grazie mille!!
    😛 Buona giornata

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • ottobre 3, 2011

    alessandra

    Grazie molte, finalmente un chiarimento sulla legge che regola questo tipo di vendita.
    alessandra

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 19, 2012

    I fiori di Marica

    Abbiamo letto tuttii tuoi post sull’argomento e ci è venuto un dubbio, ma allora la stessa dichiarazione (ovviamente adattata) dovrà essere inserita anche nei blog? Grazie :)

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 19, 2012

    Alessia

    @ I fiori di Marica:
    questa è un’ottima domanda! Io credo che nessuno fin’ora si sia posto il problema ma direi che male non fa…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 20, 2012

    I fiori di Marica

    @ Alessia:
    Grazie Alessia, proviamo ad aggiornare anche il nostro.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • marzo 26, 2012

    Claudia

    Grazie mille^^

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • settembre 1, 2012

    paola

    partecipo ai mercatini con le mie opere dell’ingegno, ho letto su questo ,ringrazio e attendo risposta paola sito tutta la normativa interessante. vorrei sapere cortesemente, visto che posso vendere legalmente le mie opere, se posso anche fare un sito dove esporle e venderle, ovviamente senza partita iva, che non ho e in base ai criteri stabiliti dalla legge.
    ringrazio e attendo risposta paola

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • settembre 3, 2012

    Alessia

    @ paola:
    purtroppo non so risponderti di preciso a questa domanda, per essere tranquilli ci vuole un commercialista…
    Comunque si dice che se il sito o blog non ha i prezzi esposti è possibile, altrimenti non si tratta più di vendita occasionale e quindi ci vuole la PI.
    Mi spiace di non poter essere più precisa.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 14, 2012

    Chiara

    grazie Alessia, preziosissima come sempre.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • dicembre 5, 2012

    Ila

    Grazie, ti scopro solo oggi… sei preziosa! Ti seguirò volentieri :)
    Ila

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • dicembre 16, 2012

    yumee

    mi piace “la creatività come un virus” :) grazie !!!!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • dicembre 28, 2012

    Andrea

    Ciao e grazie di cuore – il tuo contributo è sconvolgente ed ancora fatico a credere di aver posto fine al problema della vendita occasionale di opere artistiche verso privati;

    ho solo una domanda: nella tua pagina (sopra citata) “Vendere Craft” aggiungi anche una postilla “il supporto è ceduto a titolo gratuito (..)” che in codesto .pdf non c’è. E’ utile o necessaria?

    E se sto tenendo esposti i miei quadri in un locale, con le etichette dei prezzi, comporta che io stia facendo “attiv. professionale continuativa”?

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • dicembre 28, 2012

    Alessia

    @ Andrea:
    visto che i tuoi sono quadri e quindi avranno la cornice e la tela io la dicitura la aggiungerei…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 10, 2013

    Andrea

    Ciao, scusa, devo smentirmi: l’idea che le Opere dell’Ingegno siano “attività esenti da ricevuta” deriva da un’interpretazione sbagliata. L’Opera dell’Ingegno se intesa come “Oggetto in un contesto di Compravendita” è comunque un Bene assoggettabile ad IVA – tutto sta allora nella differenza tra Attività Occasionale (IVA-esente ma che comporta Fatturazione) e invece Continuativa/Professionale (necess. Partita IVA). Ovviamente è di estrema importanza per i giovani Artisti che la Legislazione consideri la differenza tra un lavoro fatto “per Se stessi” come Opera Unica e poi “occasionalmente venduto” e invece un Attività di Produzione in Serie, che è intesa senza dubbio con finalità più economiche rispetto a un “interesse personale” come può essere appunto l’Arte. Per molti è “tirarsela”, per me è uno dei pilastri di questo Paese, scusa se è poco.

    Adesso sono in contatto con l’Agenzia delle Entrate per capire se appunto fino a 5,000 €/anno posso vendere i miei quadri rilasciando Fattura senza IVA. Per il momento posso indicare questo link per vedere come si fa una Fattura per Vendita Occasionale di un’Opera d’Arte: http://www.galleriatedofra.it/ricevuta-vendita-occasionale-opere-arte#comment-5871

    Ciao!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 11, 2013

    Andrea

    Il motivo della interpretazione errata dell’articolo da te citato nell’autocertificazione è qui: http://www.legaleuro.eu/it/blog/index.php?id=ujjwzaht
    Ad essere esente da documentazione fiscale è infatti la vendita dei “Diritti d’Autore” non quella dell’Opera (dell’Ingegno) che è – salvo la situazione di “rapporto occasionale” – assoggettata al 10% di imposta.

    Inoltre ho verificato che la Dichiarazione Sostitutiva dell’Atto di Notorietà è adesso regolata dal DPR 445/2000 che comporta “a pena di nullità del documento” una dichiarazione aggiuntiva che nel tuo facsimile manca – vedere qui:
    http://governo.it/GovernoInforma/Dossier/certificazione/saperne.html
    Saluto

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 11, 2013

    Andrea

    Scusa – un piccolo errore: la dicitura “il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi” che deriva dalle modifiche al DPR 445/2000 da parte della Legge 183/2011, è obbligatoria solo da parte della Pubblica Amministrazione; e non da parte dei Privati.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • giugno 5, 2013

    mario

    io vorrei sapere informazioni precise sulla vendita dell ingegno pre esenpio quanti pezzi si possono esporre assieme nei mercatini, se uno per vota o diversi pezzi, oppure se sono articolo diversi si possono
    esporre. vorrei spiegazioni.
    grazie.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • giugno 6, 2013

    Andrea

    Ciao Mario, se vuoi ti rispondo io: la differenza tra ciò che puoi dimostrare di produrre con la tua fantasia (= prodotto dell’ingegno) e invece il “Commercio di prodotti altrui” sta che la legge Bersani ti autorizza a Esporre e Vendere TUTTO ciò che produci; ricorda che:

    1) esporre una Dichiarazione sostitutiva dell’atto notorio art 47 DPR 445/2000 che le opere sono del tuo ingegno (perché?), che NON sei titolare di P.IVA e NON sei iscritto ad alcun albo professionale (ad es. non sei un Commercialista); e che il suddetto DL 114/1998 art.4 cm 2-H ti autorizza a Esporre per la Vendita – consiglio di mettere l’estratto di legge (facilitiamo le cose a tutti)

    2) Vendi? Bene: devi lasciare una ricevuta in due copie dove specifichi che si tratta:
    – di attività occasionale ai sensi del DPR 917/1986 art 67 cm 1-L
    – non soggetta ad IVA ai sensi del DPR 633/1972 art 5
    Scrivere i tuoi dati e la descrizione dell’oggetto venduto;
    … e poi paghi circa 1/4 del guadagno di IRPEF, l’anno successivo, con il Modello Unico, sotto la voce “Redditi Diversi” (magari hai un altro lavoro).

    Casomai, vai a chiedere direttamente all’Ufficio Tasse; io l’ho fatto e mi è stato detto che in realtà non c’è “limite” al “guadagno occasionale” (cioé: quando divento un professionista e devo aprire la p.IVA?) tranne che la tua coscienza: se in due anni vedi che la giostra gira, … Buona fortuna

    Personalmente adesso lascio la ricevuta anche al mio vicino per il lavoretto!, forse è exxagerato ma mi sento molto meglio.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • ottobre 12, 2013

    Sara

    ciao! grazie per tutte le informazioni, davvero utili anche se la mia confusione resta tanta….tantissssima
    io vendo bigiotteria e bomboniere realizzate a mano. sto nei 5 mila euro annui ma non ho capito se devo rilasciare ricevuta o no e se sì basta che uso quelle che si trovano in cartoleria?
    grazie in anticipo
    Sara

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • ottobre 13, 2013

    Alessia

    @ Sara:
    è un’ottima manda ma purtroppo c’è troppa onfusione e non ho una risposta…
    Se fossi io farei le ricevute (quelle della cartoleria) e poi il totale va sulla dichiarazione dei redditi alla voce “altri redditi”, però meglio chiedere ad un commercialista.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • ottobre 14, 2013

    Sara

    mille grazie!! penso andrò dal commercialista e vi farò sapere cosa mi dice!!!
    @ Alessia:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 18, 2013

    Anna

    >Carissima Alessia questo è proprio quello che mi danno il comitato organizzativo, ogni qual volta devo fare un mercatino, ti ringrazio per averlo condiviso con tutte!!! Anna

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 7, 2014

    Laura Nocera

    scusa io vivo in Umbria e qui hanno fatto una modifica http://www.comune.terni.it/portaldata/UserFiles/File/2013/commercio/DGR-HOBBISTI_454_2013.pdf dove sembra hanno definito che il tesserino di hobbisti lo devono usare anche chi vende opere del proprio ingegno e quindi si può fare solo 12 mercati l’anno. quindi qua le tue informazioni non sono valide… forse?

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 8, 2014

    Alessia

    @ Laura Nocera:
    buongiorno Laura,
    purtroppo non lo so, di fatto gli hobbisti sono sempre stati una categoria molto diversa da chi crea a mano ma c’è molta confusione e molti comuni richiedono il tesserino a tutti…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 8, 2014

    Laura Nocera

    forse conviene che mi informo in regione e poi scriverò qua ok? così uniamo le forze informative @ Alessia:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 8, 2014

    Laura Nocera

    @ Alessia:
    forse conviene che mi informo in regione e poi scriverò qua ok? così uniamo le forze informative

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 9, 2014

    paola

    @ Alessia:
    ciao sono paola sono andata alla confesercenti ad una riunione sul tema e mi hanno confermato che fino a 5000 euro all’anno non c’e’ obbligo di alcuna ricevuta. cosi mi e’ stato detto e riferisco. ciao e grazie @ Laura Nocera:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 9, 2014

    Laura Nocera

    @ paola: vivi in Umbria? o ti hanno detto che per tutta l’italia è così e le regioni o i comuni non possono cambiare questa regola o legge…?

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 15, 2014

    paola

    @ Laura Nocera:
    so che quella delle opere dell’ingegno e’ una legge dello stato non regionale ed e’ rimasta tale e quale solo per gli hobbisti ogni regione ha la sua regola ti riferisco quello che mi hanno detto e che comunque puoi trovare anche su internet@ Laura Nocera:
    @ Laura Nocera:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • giugno 3, 2014

    margherita arrighi

    Ho appena stampato il documento e ti ringrazio tanto per questo carinissimo post. L’unica cosa che mi chiedo è se cambia qualcosa visto che ho un sito internet e la vendita online attivata su Etsy.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • giugno 3, 2014

    Alessia

    @ margherita arrighi:
    ciao. Per la vendita online non so darti un parere preciso perchè ci sono opinioni contrastanti. Ci sono commercialisti che ritengono cambi tutto (perchè la vendita non è più occasionale ma il negozio è online 24 ore su 24), altri invece che fino a 5000 euro annuali non cambi niente…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 24, 2015

    gilberto

    In Trentino stanno introducendo una legge provinciale che contesta i prodotti fatti a mano dagli hobbisti creativi, in quanto le produzioni artigianali NON sarebbero comprese nelle “opere del proprio ingegno” vedi legge sui diritti d’autore.
    Perciò intenderebbero cancellare i mercatini degli hobbisti creativi.
    Cosa ne pensate?

    <<  |  <  |  Rispondi  |  Quota

Lascia il tuo commento! ♥