Una storia (vera) per vincere un iPad

ipad Questo è un post un po’ anomalo, lo sto scrivendo perché voglio partecipare al concorso "Vinci un iPad con la tua Storia" indetto da Piernicola De Maria di Piernicola.com, è troppo bello sto aggeggio :mrgreen:

Il tema della storia deve essere "l’enorme impatto che una piccola decisione ha avuto sulla mia vita" e scegliere una sola decisione è davvero difficile perché quasi ogni giorno ci troviamo a prendere piccole decisioni che possono cambiare il corso di tanti eventi successivi, noi donne forse anche più degli uomini perché abbiamo la prova della maternità che in un secondo riesce a cambiare tutta la vita.

Però scegliere la maternità sarebbe troppo semplice, invece la mia mente va ad una decisione davvero piccola che ho preso nel primo anno di università a 19 anni, a quel tempo amavo molto la matematica (l’analisi in particolare) e amavo la natura tanto quanto la amo oggi, per scegliere a quale università iscrivermi ho pensato di unire le due cose ed ho cominciato a frequentare ingegneria, con l’idea di diventare un ingegnere dell’ambiente (chissà se questa facoltà si chiama ancora così, adesso che sono passati 20 anni!), ma non è questa la decisione piccola a cui mi riferisco, questa è solo la premessa…

Ovviamente le ragazze erano in minoranza e la maggior parte degli studenti della facoltà erano nerd smanettoni che trafficavano con il vic20 ed il Commodore64 da almeno un lustro! Io invece non avevo mai visto un computer da vicino, ma uno dei corsi da frequentare era (ovviamente) informatica!

GUARDA ANCHE:   Carosello: reminder per il concorso di Huggies Super-Dry

La facoltà era nuovissima e c’era una bella aula computer, alla prima visita che ho fatto alla suddetta aula, per provare a capire qualcosa, si è rivelata un disastro, mi sentivo una semi-deficiente e non ci capivo niente di niente, c’era questa parata di computer in DOS con gli schermi con le scritte verdoline e non sapevo che pesci prendere…

Per evitare un’altra figuraccia ho deciso di comprarmi un computer per provare a combinare qualcosa a casa, nell’intimità più assoluta 😉

Seguimi anche su Facebook:

Ed è stata proprio questa la decisione che ha cambiato la mia vita successiva, perché è stato amore a prima vista, passavo ore a provare e riprovare e la cosa bella è che capivo e imparavo da sola ogni giorno, l’università è decisamente passata in secondo piano (infatti mi sono laureata moooooolti anni dopo successivamente a ben 2 cambi di facoltà e di città/ateneo) ma il computer (e poi anche internet) sono rimasti sempre con me, e come si dice: il resto è storia 😉

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

4 Commenti ♥

  • aprile 14, 2010

    BarbaraSpeedy

    Che storia interessante….prova!! Adesso vado a dare un’occhiata anche io!

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • aprile 15, 2010

    mina

    bellissima! dai, facciamo il tifo per te.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • aprile 15, 2010

    Alessia

    grazie carissime :mrgreen:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • aprile 15, 2010

    EleVi

    E’ veramente una storia interessante!! Tengo le dita incrociate!

    <<  |  <  |  Rispondi  |  Quota

Lascia il tuo commento! ♥