Idee fai da te: il “calzino in testa” fatto in casa DIY

Idee fai da te: il “calzino in testa” fatto in casa DIY Nei giorni scorsi mi sono imbattuta per caso in questo accessorio per chi ha i capelli lunghi come me, il cosiddetto “calzino in testa”, è un brevetto relativamente recente che permette di realizzare acconciature con code e chignon in pochi secondi.

A me non piace molto l’effetto finale con questo accessorio in vista, però in casa è davvero comodissimo al posto dei normali elastici che tirano ed annodano i capelli.

Mi sono guardata un bel po’ di video sull’argomento ed ho deciso che faceva al caso mio, ho trovato un rivenditore che lo vende online a 5,00 ma mi scocciava molto dover aspettare l’arrivo via posta, così ho pensato e ripensato a come potevo farmelo da me in pochi minuti 😉

Mi sono ricordata delle calze che avevo usato per il post Regali di Natale: i guanti senza dita riciclati eco chic craft Christmas e l’idea è arrivata…

Idee fai da te: il “calzino in testa” fatto in casa DIY

Dalla realizzazione dei guanti senza dita mi sono avanzati i due “piedi” delle calze a righe ed è proprio da questi piedi che ho realizzato il mio primo prototipo.

Seguimi anche su Facebook:

Ma forse sarà meglio che vi spieghi come è fatto sto “calzino per capelli”, non è altro che un ovale allungato di lycra con l’anima in metallo zincato ed una fessura al centro, per capire meglio non vi resta che vedere questo video.

GUARDA ANCHE:   La pista per le biglie, fatta di cartone riciclato

Quello che andremo a realizzare è fatto molto “alla buona” con un costo quasi pari allo zero, ma in attesa di comprarne uno vero va benissimo!

Idee fai da te: il “calzino in testa” fatto in casa DIY 

Ingredienti:

– macchina da cucire (ma si può cucire anche a mano)

– filo di ferro zincato o di rame

– una calza in cotone sottile o lycra spessa

– forbici da sarta

Io avevo i piedi avanzati dalla realizzazione dei guantini ed ho usato quelli, però è venuto un pochino corto, meglio ancora usare la gamba della calza.

Basta rivoltare la calza a rovescio e cucire le estremità in modo da formare un ovale allungato, la lunghezza ideale è almeno di 30 cm, circa ma anche se viene più corto (il mio fatto solo con il piede della calza è lungo circa 20 cm.) funziona lo stesso, si fa solo un pò più di fatica a chiuderlo oppure può dare problemi a chi i capelli molto spessi o ricci.

Dopo aver chiuso l’ovale alle estremità bisogna tagliare l’eccedenza di tessuto oltre le cuciture.

Idee fai da te: il “calzino in testa” fatto in casa DIY

Poi si piega a metà il lato lungo dell’ovale, si mettono i lembi uno sopra all’altro il più precisamente possibile, si taglia la fessura centrale (lunga 9-10 cm.) con le forbici da sarta.

Ora basta rivoltare la calza al dritto tramite la fessura appena fatta e preparare l’anello di fil di ferro. Meglio usare un fil di ferro un pò più lungo e poi tagliarlo dopo aver chiuso bene l’anello, che ritrovarsi con un pezzo troppo corto e doverlo buttare via e ricominciare…

GUARDA ANCHE:   Partecipo alla nuova idea “di BLOG in BLOG”

Idee fai da te: il “calzino in testa” fatto in casa DIY

A questo punto basta sagomare il fil di ferro nella giusta forma allungata e infilarlo nel calzino attraverso il foro centrale.

Siccome il fil di ferro si piega e poi non ritorna alla forma originale, come quello del calzino per capelli brevettato, bisogna fare un po’ più di attenzione quando si montano e si smontano le acconciature, ma l’uso è esattamente lo stesso 😉

Idee fai da te: il “calzino in testa” fatto in casa DIY

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

28 Commenti ♥

  • gennaio 13, 2010

    annaelle

    Io invece vado pazza per quest’oggetto!! O meglio, per la versione francese che comprai nel lontano 2000… ne avevo presi 6 per poi regalarli pensando… tra qualche tempo arriveranno anche da noi… e invece c’è stato parecchio da aspettare. Tra l’altro la versione francese non era in nylon ma cotone o vellutino .. che preferisco di gran lunga. Bella la tua creazione un vero uso al 100% delle calze!

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 13, 2010

    elisabetta

    ma dai??? non lo conoscevo!!! che forte!!! eh si, sembra proprio comodo e pratico.. complimenti per la tua versione!!

    ciao eli

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 13, 2010

    Robs

    ma è bellerrimo 😛 mi sa che te lo copio!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 14, 2010

    Helena

    Avevo visto tempo fa il video su youtube e infatti ho pensato subito “potrei copiarlo” ma non c’ho mai provato perchè non sono un genio un fatto di cucito..e quindi grazie tante per averci spiegato un bel modo facile per provare a farne uno in casa!!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 14, 2010

    Claudia-cipi

    ma è una figata!!!
    lo sapevo io che quei top in lycra che ho buttato mi potevano tornare utili… vabbè, mi butterò sul cotone, appena posso.
    a me piace tanto anche il cosino a vista.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 19, 2010

    Gemma

    Ciao!

    E’ da qualche tempo che mi studio le bancarelle che vendono il calzino per la testa perchè volevo farlo io: tra l’altro, trovo che 5 euro siano troppi.
    L’ho misurato a spanne e dovrebbe essere circa 40-45 cm. quindi di fil di ferro ne servirebbe circa 1 mt.
    Quello che vorrei capire è proprio il materiale che usano, per fare l’originale e il diametro, perchè secondo me il segreto è tutto lì!
    Infatti col filo di ferro classico (che comunque proverei a saldare e non ad annodare) credo che dopo un po’ di utilizzi si pieghi in modo irrimediabile. Siccome non sono tanto brava a cucire vorrei fare un lavoretto al quale non rimettere mano dopo breve tempo. Che ne pensi? Hai idee?
    Fammi sapere

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 19, 2010

    Alessia

    @ Gemma:
    ciao Gemma, io veramente l’ho fatto molto più corto e con del normalissimo fil di rame che avevo in casa e non ho rilevato nessunissimo problema, funziona alla perfezione, basta stenderlo bene di nuovo dopo l’uso, la sotffa del calzino che ho usato è molto elastica quandi si persta alla perfezione alle torsioni e poi torna alla forma originaria 😉
    Invece temo che una saldatura “casalinga” non professionale sia troppo fragile e tenda a rompersi in breve tempo per le sollecitazioni a cui è sottoposto il filo, oltretutto le due etsremità del filo hanno davvero poco punto di contatto, troppo poco perchè la saldatura resista. Io se fossi in te proverei a fare un proptotipo semplice semplice come il mio e poi, eventualmente, se non ti soddisfa abbastanza puoi partire da lì per studiare ventuali modifiche 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 20, 2010

    Gemma

    Grazie per la velocissima risposta 🙂
    e grazie a Claudia, per l’idea del materiale: top in lycra da riciclare.
    Io inizialmente proverò con un vero calzino (gambaletto) in lycra, nell’animo del non buttar via nulla: spesso se ne rompe uno solo e l’altro resta perfettamente utilizzabile. Per le saldature provo da un amico meccanico, vediamo che s’inventa lui 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 17, 2010

    Multiductus

    Questo mi sa che lo copio proprio… però proverò con un gambaletto in lycra: come dice Gemma ne ho un sacco spaiati che aspettano un nuovo utilizzo 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • marzo 24, 2010

    logica77

    😀 sei grande bella idea ,provero anch io se mi viene bene provero a farvi vedere la mia creazione

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 1, 2010

    FAnny

    ragazze è bellisssimo..tempo di procurarmi il filo di rame e mi metto subito all’opera…ho già mille idee di tessuti da utilizzare..mi spiace solo che da una settimana mi sono andata a tagliare i capelli (erano mooolto lunghi)adsso sono altezza spalle! Mi sarei potuta sfiziare di più..pazienza…GrAZIE bella idea 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 1, 2010

    FAnny

    nel caso mi vengano bene come posso farveli vedere? 😆

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 1, 2010

    Alessia

    @ FAnny:
    ciao e benvenuta 😉
    Puoi farceli vedere direttamente qui nei commenti se hai un’immagine già sul web (su un blog, su flickr o qualsiasi altro servizio gratuito di questo tipo) mettendo il link diretto alla foto (quello che finisce per .jpg) nel form che ti si apre qui sotto quando clicchi su “You can add images to your comment by clicking here.”

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2010

    FAnny

    Ciao Alessia…caspiterina è stato un’incubo cucire a macchina la calza di lycra..alla fine ho fatto a mano.
    Ho sbagliato filo..con quello di ferro nn viene bene domani vedrò di prendere quello di rame (sarà sicuramente più morbido). Senti mi diresti quanto doppio è più o meno? al più presto la foto…ciao e grazie

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2010

    Alessia

    @ FAnny:
    non ho capito la domanda…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2010

    FAnny

    Volevo sapere quanto doppio è il filo di rame 🙂

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2010

    Alessia

    @ FAnny:
    continuo a non capire :shock:, io il filo di rame l’ho usato semplice non doppio…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2010

    FAnny

    ok..nn intendevo sel’avevi messo doppio..la foto è molto chiara a riguardo ma esistono diverse misure di filo io adesempio nè ho uno sottilissimo (tipo quello che si trovanei cavi elettrici) ma nn và bene e se tu già sapevi che “spessore” aveva mi avresti dato una dritta… 😆

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2010

    Alessia

    @ FAnny:
    ahhhhh adesso si che ho capito :mrgreen:
    quello che ho usato io è da 1,5 mm

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2010

    FAnny

    😛 meno male–iniziavoa preoccuparmi 😳
    Grazie ancora Alessia sei stata moltto gentile 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] Calzino in testa!!! […]

  • dicembre 2, 2011

    giuly

    ma funziona come quello che si compra?

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • settembre 19, 2012

    deny

    io suggerirei il fil di stagno 🙂

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • settembre 20, 2012

    Alessia

    @ giuly:
    più o meno si 😉
    @ deny:
    il filo di stagno è decisamente troppo morbido, mentre ce l’hai in testa si sforma…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 3, 2013

    aurora

    Ciao,
    ma il calzino “originale” che tipo di filo metallico contiene?

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • febbraio 3, 2013

    Alessia

    @ aurora:
    non ne ho idea, probabilmente un filo spesso e “armonico” visto che mantiene la forma.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 6, 2013

    Ari

    ciao a tutte, io ho preso il calzino in testa a unafiera, ma il mio non mantiene la forma, anzi, il filo all’interno si è tutto piegato, e ha formato delle ondine, ogni volta che disfo l’acconciatura devo sistemare il filo di ferro è un problema che il calzino acquistato da voi non ha? c’è un sito dove l’avete ordinato? grazie mille!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 6, 2013

    Alessia

    @ Ari:
    ciao Ari, questo calzino qui me lo sono fatta da sola, non l’ho comprato 😉

    <<  |  <  |  Rispondi  |  Quota

Lascia il tuo commento! ♥