[tutorial] Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo

Oggi faccio una lezioncina un pochino più “tecnica” che servirà per alcuni progetti del calendario dell’avvento delle idee 😉

Questo tipo di lavorazione in tondo si usa con qualsiasi tipo di punto, io nelle foto ho usato il punto basso solo per comodità.

La lavorazione in tondo:

La lavorazione in tondo si può fare sia usando come base il cerchio di catenelle (come vedete in queste foto) sia usando l’anello magico, la differenza è che nel primo caso avrete un forellino al centro della lavorazione, mentre con l’anello magico il lavoro si chiude completamente (per questo è usato negli amigurumi).

Partiamo dalle catenelle, io ne ho fatte 5 (foto 1), fatte queste basta tornare indietro infilando l’uncinetto nella prima catenella, che in realtà corrisponde al nodo d’inizio (foto 2) e lavorare una maglia bassissima, entrando nella catenella, filo sull’uncinetto, si esce da entrambe le asole  chiudendo tutto il punto (foto 3).

Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo

Seguimi anche su Facebook:

Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo

Adesso che abbiamo chiuso l’anello di catenelle, oppure abbiamo formato l’anello magico, si può partire con la lavorazione vera e propria.

Come si fa sempre all’inizio di un giro facciamo una catenella volante  (o più di una se lavoriamo punti diversi dalla maglia bassa) che sostituisce il primissimo punto (foto 4)

GUARDA ANCHE:   Scrap & Craft: il meglio della settimana 37/2009

Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo

Dopo la prima catenella volante cominciamo a lavorare la maglia bassa direttamente dentro l’anello, infilando l’uncinetto nel centro dell’anello, filo sull’uncinetto (foto 5), usciamo dall’anello ed abbiamo due asole (foto 6), filo sull’uncinetto (foto 7) e chiudere il punto (foto 8), ecco la prima maglia bassa.

Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo  Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo

Ora non resta che continuare così fino a coprire tutto l’anello di catenelle (foto 9) e chiudere il primo e l’ultimo punto del giro con una maglia bassissima (foto 10), si può anche continuare a lavorare a spirale senza chiudere ogni giro ma il risultato è un pochino diverso e semmai lo vedremo in una prossima puntata 😉

Di solito per coprire tutto l’anello di catenelle di partenza, al primo giro di punti “veri” (nel nostro caso la maglia bassa) si lavorano il doppio dei punti di catenella, io sono partita con un anello formato da 5 catenelle e nel giro successivo ho lavorato 10 maglie basse, però non è una regola fissa, molto dipende dai punti che mi servono nel giro ancora successivo, ad esempio se volessi lavorare un punto particolare che ha bisogno di una base con un numero di punti dispari avrei potuto lavorarne solo 9 oppure 11.

Insomma seguite gli schemi oppure la fantasia e provate, provate provate provate :mrgreen:

 PB279505 PB279507

Guarda anche:

GUARDA ANCHE:   Calendario all’Uncinetto: arriva il mese di marzo 2015
Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

21 Commenti ♥

  • novembre 27, 2009

    valeria

    grazieeeeee alessia, mi sto appassionando all’uncinetto e i tuoi tutorial sono una mano santa!

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 27, 2009

    Beta

    Ma mi leggi nel pensiero? 😯
    Sto finendo un lavoretto a maglia, ma volevo chiudere con l’uncinetto e mi serviva il tondo, tanto che l’altro ieri ero venuta a curiosare nella tua scuola per negati se avevi messo qualcosa a riguardo… e … adesso lo trovo! 😛 Smack

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 27, 2009

    giulia

    benissimo, potrò riprendere in mano vecchissimi progetti di quando avevo iniziato a uncinettare, ma da tanto non lo faccio, per cui non ricordo molto (sono anni!), così potrò ricominciare, grazie!!!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 27, 2009

    Elena

    Ah che bella lezione,chiarissima come sempre.Mi serviva proprio,perchè continuavo a sbagliare 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 27, 2009

    Alessia

    Grazie a tutte, occhio che domani arriva un’altra lezioncina molto utile :mrgreen:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 27, 2009

    valeria

    dove ho sbagliato? al centro non mi resta il buchino e ha la forma di una scodella, più proseguo e più diventa concavo 😕

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 28, 2009

    Alessia

    @ valeria:
    se non ti resta il buchino al centro, probabilmente hai lavorato poche maglie catenelle iniziali, quindi l’anello era piccolo e i punti lavorati all’interno l’hanno riempito tutto, oppure hai usato il metodo dell’anello magico, poco male 😉

    Se ti si forma una specie di scodella vuol dire che non hai aumentato abbastnza mentre continuavi i nuovi giri, se vuoi che resti piatto devi fare almeno una maglia doppia ogni due o tre normali.

    Non speravi mica che ti venisse perfetto alla prima, vero? :mrgreen:
    Disfa e riprova finchè non hai capito il meccanismo, vedrai che è facile, ci vuole solo un pò di allenamento 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] il tutorial di ieri Scuola di uncinetto per negati: lavorare in tondo altra lezioncina “tecnica” che servirà (ancora) per alcuni progetti del calendario […]

  • dicembre 3, 2009

    valeria

    …buona la terza! al terzo tentativo la “cosa” come l’ho soprannominata inizia ad avere una forma decente.
    grazie alessia

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 28, 2010

    LILLY

    Mi ci voleva proprio una bella spiegazione passo per passo alla Alessia, sei impagabile!! =^_^=

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] Si comincia con l’anello magico e si fa la lavorazione in tondo. […]

  • luglio 21, 2010

    Alessandra G.

    Ciao Alessia! Sono passati mesi ma sto continuando a lavorare all uncinetto anche se utilizzo molto la fantasia! Non sono molto portata a contare… però mi sono fatta un bel top e un paio di collane con farfalle! Ci sono però ancora tante cose che dovrò imparare… Ho bisogno di un consiglio se puoi. A gennaio la mia migliore amica partorisce il primo figlio e le ho promesso una copertina in lana. Per la misura starei intorno ad 1 metro per 1 metro circa ma come la lavoro? Vorrei che fosse semplice ma non troppo ti prego dammi qualche suggerimento per una lavorazione facile che faccia la sua porca figura! :mrgreen: grazie mille!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • luglio 22, 2010

    Alessia

    @ Alessandra G.:
    ciao Alessandra, secondo me una delle lavorazioni più semplici e più d’effetto per le copertine è fare una serie di quadrati con punti diversi da unire e completare con un bordo.
    Intanto guarda questi schemi qui: http://www.megghy.com/uncinetto/coperte_copertine/index.html
    http://oceanbabyline.blogspot.com/2009/07/modelli-e-spiegazioni_14.html
    http://oceanbabyline.blogspot.com/2010/01/copertina-baby.html
    http://oceanbabyline.blogspot.com/2010/01/copertuna-baby.html

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 14, 2011

    ross

    ciao alessia! sei bravissima! le tue spiegazioni mi sono state utilissime! avrei però una domanda sulla lavorazione in tondo all’uncinetto… fino al primo giro di maglie basse io ci sono! il mio problema è il dopo!!! cioè se io volessi fare un lavoro semplice, tutto rotondo… come faccio a continuare? devo sempre raddoppiare? se si come?
    ti ringrazio in anticipo per la risposta!!! e ancora grazie per i post che hai già pubblicato 🙂

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 14, 2011

    Alessia

    @ ross:
    ciao ross, benvenuta 😀
    In realtà dipende, io non uso mai lo stesso numero di aumenti, dipende dal tipo di filato, dal tipo di punto e anche dalla tensione della tua mano e del tipo di lavoro, in genere diciamo che un aumento un punto si e uno no potrebbe andare ma poi bisogna imparare a regolarsi mentre si va avanti col lavoro se non c’è un pattern già scritto.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 26, 2013

    Giulia

    Ciao Alessia, intanto complimenti e grazie per il tuo blog, ci sono tantissime cose utili!
    Avrei una domanda sulla lavorazione in tondo: ogni volta che finisco il giro mi segno con una graffetta l’ultima maglia e quando faccio un altro giro chiudo con una maglia bassissima, ma questo fa sí che sul mio lavoro rimanga il segno, una specie di cicatrice diciamo, formata da buchini e punti irregolari rispetto al resto del lavoro… non solo: la “cicatrice” non é neanche dritta, ma obliqua!
    Dove sto sbagliando?
    Grazie in anticipo
    G

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 27, 2013

    Alessia

    @ Giulia:
    ciao Giulia, purtroppo è normale che si formi quella “cicatrice” quando chiudi ogni giro, non fai niente di sbagliato 🙂
    Se vuoi evitarla devi provare a lavorare a spirale (cioè non chiudendo il giro ma continuando a lavorare di seguito), però in questo caso alla fine del lavoro si formerà uno scalino che dovrà essere dissimulato in qualche modo, dipende dal risultato che vuoi ottenere 😉

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] volte ho parlato di lavorazione in tondo e di anello magico, nell’uncinetto sono due cose fondamentali da sapere ma soprattutto l’anello […]

  • aprile 24, 2016

    Patrizia De Magistris

    Se riuscirai ad insegnare a me sei UNA GRANDE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ciao !

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • ottobre 2, 2016

    Sara

    Grazie mille!! Stavo cercando come chiudere i cerchi in modo da avere circonferenze e non spirali…Magiche le tue foto!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • ottobre 2, 2016

    Alessia

    Grazie a te per il feedback Sara 🙂

    <<  |  <  |  Rispondi  |  Quota

Lascia il tuo commento! ♥