La Pasqua con i bambini: riprendiamo la tradizione della Caccia alle uova
Ho parlato e parlerò tantissimo della creatività applicata ai lavoretti di Pasqua,...
Blogger per Lavoro con Passione: tutto quello che non hai mai osato chiedere sulle immagini per il blog
Buongiorno gente, oggi voglio affrontare un tema decisamente caldo, si parla di immagini...

[TUTORIAL] L’anello magico all’uncinetto per amigurumi e lavorazione in tondo

Questa spiegazione dell’anello magico si trova solo online, nessun libro italiano la riporta (io ne ho un numero imprecisato di libri sull’uncinetto di tutte le epoche, dagli anni ‘70 fino ad oggi!) ed infatti io non ero ancora riuscita a capirlo fino a questa mattina…

Avevo letto anche la spiegazione in italiano con il video in inglese di Barbara e non avevo capito lo stesso, povera me…

Ci sono arrivata grazie a questo foto-tutorial in inglese che finalmente mi ha aperto un mondo ;-) così ho pensato di tradurlo con le mie parole (in italiano ovviamente) e le mie foto ed ecco qui:

1. realizzare un anello di filo doppio su indice e medio della mano sinistra (o quella destra per chi lavora con la sinistra)

P5087396

P5087398

2. fatto l’anello si deve tenere fermo con pollice e medio della mano sinistra (cioè quella con cui non lavorate) e su quell’anello deve essere fatto sopra il punto come se fosse la catenella iniziale chiusa in tondo.

Seguimi anche su Facebook:

P5087399

3. si lavorano direttamente 6 maglie bassissime dal centro dell’anello e poi si allarga l’asola in cui è infilato l’uncinetto (per non rischiare di disfare qualche punto) e si comincia a stringere l’anello tirando delicatamente il filo libero e man mano che uno dei due anelli di filo si stringe bisogna bilanciare anche l’altro. Per stringere completamente l’anello ci vuole un po’ di attenzione e di pazienza.

P5087402

4. quando tutto il filo degli anelli centrali è completamente stretto scompare nella rosetta che deve essere terminata unendo i due punti iniziale e finale con un’ultima maglia bassissima. La rosetta chiusa e completa è la base per cominciare il lavoro in tondo con un cerchio perfetto e senza buchi o spessori inutili come invece succede quando si comincia con la catenella chiusa a cerchio.

Questo metodo inventato in Giappone (credo) è assolutamente geniale nella sua semplicità ;-)

Ciao, grazie per essere arrivato a leggere fino in fondo.
Sono Alessia e scrivo questo blog per passione, con il tempo ne ho fatto il mio lavoro principale ma l'amore per la scrittura e la creatività è il motore che mi spinge ad andare avanti.
Se ti è piaciuto questo articolo, la soddisfazione più grande che puoi darmi è quella di condividerlo sui social media e di lasciare un tuo commento.

Seguimi anche su Pinterest: Visit Alessia Gribaudi Tramontana (Alescrap)'s profile on Pinterest.

Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

28 Commenti ♥

  • maggio 8, 2009

    roberta

    grazie Alessai appena mi ritorna la vena giusta ci provo..domani da mia suocera vedo se riesco a farmi dare qualche dritta..che fotograferò!!
    ti abbraccio e aspetto sempre tue nuovità sul design femminile….!!
    roberta

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 8, 2009

    enrica

    brava Alessia!!spiegato perfettamente!! adesso voglio vederti fare qualche amigurumi però!! :wink:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 28, 2009

    Mollie

    Ciao,
    Metodo della nonna: invece dell’anello “sciolto” di questo tutorial si fa un cappio (come il primo punto per la catenella) e si lavora lì dentro.
    :-)

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 28, 2009

    Alessia

    Uh grazie Mollie, proverò anche questo metodo, grazie grazie grazie :-D

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] usa l’anello magico (vedi il mio tutorial se non lo sai fare) e si lavora in tondo fino ad ottenere il diametro […]

  • novembre 7, 2009

    ERIKA

    Volevo ringraziarti per l’ottimo lavoro che stai facendo. La tua “scuola per negati” sembra fatta apposta per me visto che sono all’inizio! :grin: :razz:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] si può fare sia usando come base il cerchio di catenelle (come vedete in queste foto) sia usando l’anello magico, la differenza è che nel primo caso avrete un forellino al centro della lavorazione, mentre con […]

  • gennaio 2, 2010

    valeria

    “e su quell’anello deve essere fatto sopra il punto come se fosse la catenella iniziale chiusa in tondo”
    alessia sono di coccio, ma non lo capisco, non riesco a capire da dove prendo il cappiolino in cui è inserito l’uncinetto, per capirci quello della catenella.
    grazie

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 2, 2010

    Alessia

    @ valeria:
    ah Valeria, come te lo spiego? :mrgreen:
    Quando hai fatto l’anello e lo tieni stretto con la mano con cui non tieni l’uncinetto devi infilare l’uncinetto nell’anello, mettere il filo sull’uncinetto, uscire dallpanello, rimettere il filo sull’uncinetto e chiudere il primissimo punto e poi continui allo stesso modo, punti nell’anello, filo sull’uncinetto, esci dall’anello, filo sull’uncinetto e chiudi il punto e via così per il numero di punti inziali che desideri, quando li hai fatti tutti stringi l’anello e lo chiudi piano piano e unisci il primo e l’ultimo punto che hai lavorato con una maglia bassissima. La lavorazione è quella classica in tondo solo che si lavora su un finto anello che poi si chiude completamente invece che sull’anello di catenelle che resta aperto al centro.
    E’ più chiaro? Altrimenti provo a spiegartelo ancora, magari con altre foto ;-)

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 3, 2010

    valeria

    grazie, ci provo e ti dico.
    grazie-grazissime!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • marzo 16, 2010

    Virginia

    Questo non vuole essere tanto un commento, ma un’informazione che magari vi può essere utile: io la tecnica dell’anello magico l’ho trovata sui libri d’uncinetto anche italiani e più in particolare in quelli riguardanti la tecnica del Pizzo Irlanda.
    Buon lavoro a tutte.
    [img]http://lh3.ggpht.com/_9Gmn5yORFY0/S5j4j0JPlsI/AAAAAAAAAjA/V8-rLb45ob8/ciuccio%20bomboniera.JPG[/img]
    PS.: il ciuccio è stato realizzato in questo modo.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] comincia con l’anello magico e si fa la lavorazione in […]

  • settembre 7, 2010

    taced

    ecco proprio questo cercavo, grazie
    ciao

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • settembre 17, 2010

    Daniela

    Ciao a tutti qualcuno ha lo schema di un amigurumi a forma di ciuccio??? Grazie mille!!!!!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • aprile 12, 2011

    bacodaseta

    ma che bello, ma che cos’è un ….amigurumi??? scusa l’ignoranza!! :mrgreen:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • aprile 12, 2011

    Alessia

    @ bacodaseta:
    semplificando al massimo sono pupazzi fatti all’uncinetto :mrgreen: dai un’occhiata qui: http://www.school-of-scrap.com/tag/amigurumi/

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2011

    Camelia

    Ciao..innanzitutto complimenti per tutto ma soprattutto per la scuola per negati e a proposito di negati io non riesco a chiudere il cerchio senza che uno dei due fili che formano il cerchio iniziale mi rimanga catenella permanente, insomma non si tira er niente…uffa!!! :???: l’ho fatto 50volte..ma perchè????

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 2, 2011

    Alessia

    @ Camelia:
    ciao e benvenuta :D
    Per far chiudere l’anello a più giri ci vuole pazienza e qualche prova, se proprio non ti riesce riduci i giri di anello oppure usa come anello la prima catenella lasciata larga larga, ci lavori le maglie basse direttamente dentro e poi stringerla è più semplice, fammi sapere come va ;-)

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • maggio 3, 2011

    Camelia

    @ Alessia:
    grazie Alessia, questa soluzione mi sembra più facile, la proverò..anche se non mi arrendo sulla prima! :razz: ti farò sapere…A bientot..

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • agosto 2, 2011

    pelin

    :razz:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] adesso via ad esercitarsi con l’anello magico e a fare tanti berrettini da regalare alle amiche in attesa o neomamme, e se proprio non sapete a […]

  • settembre 21, 2011

    elle

    Fantastico!!! Grazie mille, ora proverò. :grin:

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • aprile 11, 2012

    Giorgia

    Ciao…scusa, parecchio impedita…ma per fare la prima maglia sul doppio cerchio come faccio a fare l’asola dove mettere l’uncinetto?
    Spero di essere stata abbastanza chiara…baci

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • aprile 11, 2012

    Alessia

    @ Giorgia:
    Giorgia scusa ma non ho capito cosa intendi, me lo rispieghi?

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • dicembre 13, 2013

    Silvia

    Ciao Alessia,
    sto provando e riprovando a fare l’anello magico, ma non riesco a fare i punti di maglia bassa sull’anello. O mi viene una catenella staccata dall’anello oppure mi rimangono i punti sull’uncinetto come se fosse un ferro da maglia.. Non so se mi sono spiegata.
    Grazie in anticipo,

    Silvia

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • dicembre 13, 2013

    Alessia

    @ Silvia:
    prova con questo metodo che è molto più semplice: http://www.school-of-scrap.com/2011/scuola-uncinetto-anello-magico-nel-nodo-dinizio/

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • gennaio 9, 2014

    Silvia

    @ Alessia:

    Grazie Alessia,
    scusa x la risposta tardiva.. Sono riuscita a farlo con entrambi i metodi. Il risultato non è ancora dei migliori, ma per quello serve pratica

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] metodo più complesso l’ho spiegato tempo fa in QUESTO post e adesso lo lascio da […]

Lascia il tuo commento! ♥