Portafazzoletti – pillow box [ancora plastica riciclata]

portafazzoletti in plastica riciclata portafazzoletti in plastica riciclata

Oggi mi è venuto di nuovo il “trip” della plastica riciclata e dopo qualche prova ho realizzato questi due portafazzoletti, invece della stoffa (come spiega bene questo tutorial) ho fuso della plastica a bolle ed ho usato quella, lasciando le cuciture a vista.

Semplicissimi e veloci hanno anche il pregio di essere imrpermeabili e robusti :-), io li ho pensati per i miei mostrilli ma vanno bene anche per le borsette delle amiche o della mamma e per le tasche o i cruscotti delle macchine di mariti, fidanzati e papà (a differenza di quelli di stoffa che si sporcano facilmente), insomma un regalino per Natale che va bene per tutti.

Ho qualche altra ideuzza plasticosa e riciclosa ma devo fare ancora alcune prove :mrgreen:

Per riciclare la plastica dei sacchetti seguite il mio tutorial (ovviamente in italiano, tradotto dall’inglese) e/o il video.

GUARDA ANCHE:   Bomboniere ecologiche fai da te con le bustine
Copyright © Alessia Gribaudi Tramontana

Vuoi pubblicare il mio craft sul tuo blog? Puoi ripubblicare i contenuti di questo post solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale, cioè puoi prendere UNA SOLA foto e un piccolo estratto di testo aggiungendo sempre un link cliccabile al mio articolo. Grazie.

Sono la felice proprietaria di alcuni blog, troppe passioni e di una famiglia di “tipi da spiaggia”!

14 Commenti ♥

  • novembre 4, 2008

    Alessia

    Guarda, non sa da quanti giorni ho pronte le buste di plastica da riciclare in questa figata della plastica fusa!! Per ben due volte ho dimenticato di comprare la carta da forno! Non vedo l’ora di fare anche io qualcosina, avevo visto gli stessi tutorial che segnali tu. Quindi si può fondere anche la plastica a bolle!? Non ne avevo idea, pensavo fosse troppo spessa… in quanti strati l’hai messa? In garage ne ho una tonellata residuo del trasloco!
    Grazie Ale!!

    >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 4, 2008

    Alessia

    Io ho usato un foglio singolo, devi stare un pò di più con il ferro stando attenta a scoppiare tutte le bolle e vedrai che è semplicissimo 😀
    Se hai pezzi grandi puoi fare un sacco di cose, io ne ho buttata via un sacco nei giorni scorsi, non ci pensavo, che svanita!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 4, 2008

    daniela

    una curiosità: ma non emettono vapori di diossina o simili quando li fondi?
    dada

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 4, 2008

    Alessia

    Oddio Daniela, mi fai una domanda da 100 milioni di dollari! Non lo so!
    Sul tutorial americano dicono di stirarli con le finestre aperte ma io oggi l’ho lasciate chiuse perchè piove troppo e fa freddo, comunque la temperatura a cui si fondono è piuttosto bassina e di odori non se ne sentono (ed io sono sensibilissima agli odori, li sento lontano un miglio e non li sopporto…).

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 4, 2008

    Mammafelice

    Io volevo prepararne una serie in pannolenci, come regalo di Natale alle amiche.
    Portafazzoletti, portamoleskine e porta aghi / porta orecchini. 🙂

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 4, 2008

    Alessia

    @ Mammafelice:
    ma sai che sono tutte buonissime idee??? Il porta orecchini com’è? 😀

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 4, 2008

    Mammafelice

    Guarda, io pensavo di hackerare questi porta aghi, trasformandoli in portaorecchini:
    http://www.etsy.com/view_listing.php?ref=sr_gallery_4&listing_id=16646839

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 5, 2008

    Iulia

    io di plastica in giro ora non ne ho..ma credo che con la stoffa ci provo…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 5, 2008

    *-cipi-*

    Sì sì anche io devo fondere un sacco di plastica! (a dire il vero sono 3 sacchi, pieni, che ho ritrovato sotto il lavello quando ho dovuto svuotare di recente…)
    Mi piace un sacco il porta fazzoletti, ma come mai a quella del tutorial (grazie anche per quello) il fazzolettino le esce come fossero le salviette dei bimbi? avrà mica sostituito il box dei fazzoletti in scatola? (non mi ricordo come si chiamano) Fossero quelli vengono un tantino ingombranti per la borsetta, ma per tenere in casa può essere comunque una bella idea.

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 5, 2008

    Alessia

    @ Mammafelice: ma che cariniiiii 😀
    @ Iulia: mostra il risultato, mi raccomando! 😉
    @ *-cipi-*: prima non avevo fatto caso, ora ho guardato bene e direi proprio che ha usato i fazzolettini come quelli che ho usato io, solo che nella prima foto ha messo anche un fazzoletto che esce ma l’ha messo lei, non esce così dal pacchetto…

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 5, 2008

    *-cipi-*

    ah, ecco, c’era il trucco! eheh

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 5, 2008

    Dual

    Bellissimi i tuoi lavori!!

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • novembre 6, 2008

    Anna

    Davvero interessanti Alessia, questi tuoi esperimenti con la plastica-riciclata-cucita. prima o poi devo provarci. Grazie per la condivisione 🙂

    <<  |  <  |  >  |  >>  |  Rispondi  |  Quota
  • […] che dimostrano come, ancora una volta, la creatività possa essere funzionale al riciclo. Dal blog http://www.4blog.info apprendiamo che, grazie ai sacchetti di plastica, possiamo realizzare comodissime ciabattine da […]

Lascia il tuo commento! ♥

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.